Posts tagged ‘Libri’

31 marzo 2014

“Il partito della polizia”, il libro sul lato violento delle forze dell’ordine

Torino G8 Università
Il water boarding a Totò Riina. Il capo di Cosa Nostra sottoposto a trattamenti non proprio ortodossi da parte della polizia. Parliamo degli anni ‘60, quando Riina era un picciotto a inizio carriera. Una storia inedita, svelata dal libro Il partito della polizia, edizioni Chiarelettere, in libreria da oggi (vai al sito), scritto da Marco Preve, uno dei migliori giornalisti d’inchiesta di Repubblica. Per rispolverare quella vecchia pagina, il cronista ha scovato un breve passaggio nelle carte di un processo di Perugia. È il 15 ottobre del 2013. Al banco dei testimoni c’è Salvatore Genova, funzionario di polizia in pensione, ma ex commissario della squadra che liberò il generale Dozier rapito dalle Br nei primi anni ‘80. Genova è stanco di portare il peso dei ricordi degli abusi di quel periodo e racconta la sua storia nel processo che si concluderà con una pesante verità: l’ex brigatista Enrico Triaca venne torturato. Genova però aggiunge altro.

Riferendosi a un colloquio sulla pratica del water boarding (versando acqua sul volto del torturato si induce una terribile sensazione di annegamento) con il capo della squadretta di torturatori, il funzionario Nicola Ciocia soprannominato De Tormentis, spiega: “Lui stesso (De Tormentis-Ciocia) diceva ‘non tutti parlano, perché ricordava quando era stato in Sicilia negli anni ’60. Avevano preso Totò Riina e un altro… E a quei tempi si usava proprio da tutte le parti questo sistema’. E allora Ciocia disse: ‘Vedi, le persone quando hanno le palle non parlano, ed era Totò Riina’”. Preve ricostruisce gli anni delle torture. E gli episodi di violenza che costituiscono una delle pagine più nere della storia recente della polizia.

Un filo unisce le vicende: il disprezzo nei confronti di alcune vittime considerate drogati o balordi come Federico Aldrovandi o Giuseppe Uva. Per l’avvocato dei famigliari Fabio Anselmo (assiste anche i Cucchi), è un atteggiamento tenuto con metodo per denigrare chi ha subìto gli abusi e renderlo così “meno vittima” agli occhi dell’opinione pubblica. Ma il cardine del Partito della polizia è rappresentato dalla ricostruzione del gruppo di potere che ruota attorno a Gianni De Gennaro. Molte pagine sono dedicate ai rapporti con la politica e il legame con esponenti della sinistra come Luciano Violante (non è l’unico, però, a coltivare amicizie a prova di condanna con i super poliziotti).

Preve non si ferma qui. Racconta le carriere di poliziotti incappati in clamorosi incidenti professionali. Tratteggia la sorprendente rete di protezione di cui hanno goduto i super poliziotti condannati per la macelleria messicana e le false molotov nella Diaz del G8; gli appalti da centinaia di milioni gestiti da detective con scarsa dimestichezza con la matematica. Fino al capitolo dedicato alle opacità nella scelta dei membri della Direzione investigativa antimafia. Una sentenza inedita rivela un lato nascosto della Dia. È quella che dopo vent’anni riconosce a un commissario dei primi anni ’90 un risarcimento per non essere entrato nei ranghi dell’Fbi italiana nonostante avesse vinto il concorso.

Gli vennero preferiti altri colleghi scelti con un metodo che i giudici del Consiglio di Stato definiscono poco trasparente. Un’inchiesta scomoda, quella di Preve, ma non contro la polizia. Anzi. Il riconoscimento dell’importanza e della delicatezza del suo ruolo esige particolare rispetto, ma anche trasparenza. Un libro che è un contributo per trasformare la polizia e ridare fiducia ai tanti commissari Montalbano che lavorano in tutte le questure d’Italia.

di

Police

Tag: ,
13 ottobre 2010

LUTTAZZI Il disastro Italia fa (anche) ridere

Esce per Feltrinelli un almanacco della satira italiana: il comico mette   insieme le battute più urticanti del 2010, con nome e cognome degli autori     Esce oggi in libreria per Feltrinelli “Almanacco Luttazzi della nuova satira italiana” (446 pagg, 18 euro), un compendio del meglio della comicità italiana assemblato da Daniele Luttazzi allo scopo di ridere, con intelligenza, della disastrata realtà italiana. Dal suo blog è nato un vero e proprio esperimento di satira dove i veri protagonisti sono i lettori con i loro sguardi. Eccone una sintesi.

Noemi ai giornalisti: “Silvio è come un padre per me. Per questo io lo chiamo ‘Papi’ e lui mi chiama ‘Soon-Yi’”. (Giorgio Marti)    Cinema    Il giudice Rosario Priore sull’Airbus 330: “Molte le analogie con Ustica. Mi auguro solo che le indagini non conducano a un altro film diretto da Marco Risi”.    (Silvio Di Giorgio)    Soprannomi    Corea del Nord, scelto anche   il nomignolo per il figlio del dittatore Kim Jong-il: sarà “PierKim”. (Leo Serrabrotto)    Indovinelli    Mai stato con prostitute, mai con minorenni, mai corrotto giudici, mai conti off-shore, mai evaso le tasse. Chi sono?    (Luca Fracassi)    Masturbazione    Ancora ignote le cause di una pioggia di girini in Giappone. Godzilla: “Neanche una sega in pace ci si può fare?”.    (Michele Comelli)    Poteri    Berlusconi: “I giudici hanno talmente tanti poteri che potrebbero arrivare a processarmi!”.      (Luca Rondoletti)    Imitazioni    Mastella: “Dopo il voto sui Dico mi telefonò il Papa. Pensai subito a uno scherzo di Fiorello. Invece era proprio il Santo Padre. Che imitava Fiorello”.    (Davide Rossi)    Presidenti    Polemiche negli Usa durante un’intervista, Obama uccide una mosca. In sua difesa accorre Bush: “Calma, ragazzi, sta iniziando adesso!”.    (Pierpaolo Buzza)    Radici    Bossi: “La Lega ha radici cristiane. Sono anni che Calderoli ci aromatizza la grappa”.    (Eddie Settembrini)    Terminologie    Patrizia D’Addario, candidata per la lista “La Puglia prima di tutto”. Adesso si chiama “La Puglia”?    (Antonio Diez)      Mimesi    Cinema. Ferzan Ozpetek è il codice fiscale di Raffaello Matarazzo.    (Damiano Debiasi)    Assenteismo    Messina, operazione anti-assenteisti, arrestati cinque dipendenti comunali. “Gli arresti avrebbero potuto essere di più,” spiega la polizia, “ma in ufficio abbiamo trovato solo loro”.    (Giovanni Di Gilio)    Complotti    Berlusconi: “C’è un complotto oscuro contro di me che mira   a far credere che io abbia detto che c’è un complotto oscuro contro di me”. (Claudio Mucci)    Marziani    Marte: scoperto un lago sul pianeta rosso. Molto bella la villa di George Clooney.    (Giovanni Garbellini)    Lucianone    Luciano Moggi tornerà nel calcio come consulente del Bologna. I tifosi bolognesi sono talmente contenti che sono già scesi in strada per festeggiare il loro ottavo scudetto.      (Stefano Trevisone)    Taliban    Gli Stati Uniti intensificano l’offensiva contro i talebani. Mai visto datori di lavori accanirsi così tanto su ex dipendenti.    (Francesco Carnovale)    Alternative    Digitale terrestre, da oggi si potrà scegliere tra due versioni di Studio Aperto: emergenza caldo ed emergenza freddo.    (Adelmo Monachese)    Piazze    Avviata procedura per dedicare una via a Craxi. L’iter sarà particolarmente lungo: la tangente sull’appalto, quella sul sub-appalto, quella sul marmo, quella sull’inchiostro…    (Pietro Borrelli)    Lezioni      Bersani: “Noi lezioni di antiberlusconismo non ne prendiamo da nessuno”.    (Fabio Gori)    Ingegno aereo    Ryanair: “Viaggi gratis a chi sta in piedi”. E se mi appendo al carrello quanto mi danno?    (Massimo Cecci)    Esterofilia    Scontri etnici in Cina: 140 morti, oltre 800 feriti. Berlusconi   : “Io una volta sono stato al ristorante cinese”.    (Francesco Cremonini)    Lingue straniere    Ancelotti, nella sua prima conferenza stampa da allenatore del Chelsea, ha parlato per oltre un’ora in inglese. Pronunciando una sola frase.    (Enrico Gastaldelli)    Proiezioni    Woody Allen: “Girare film è come fare sesso”. Guardare i film dei fratelli Vanzina è come prenderlo nel culo.    (Moreno Fasano)    Sopravvalutazioni    Grillo: “Nella sinistra, dopo Berlinguer, il vuoto”. Come al solito, D’Alema è sopravvalutato.    (Peter D’Angelo)    Costi    Dopo Diego arriva alla Juve   Felipe Melo. Duro il commento di Lapo: “Mai speso così tanto per due brasiliani”.    (Marco Baroncini)    Punti cardinali    È morto Walter Cronkite, leggendario giornalista della tv statunitense. Fu definito per anni “l’uomo più affidabile negli Stati Uniti”. Riotta, Vespa, Minzolini e Mimun: “Che mestiere hai detto che faceva?”.    (Paolo Severini)    Voodoo    Il Papa cade e si rompe un polso. Finalmente ho trovato un venditore di bamboline voodoo onesto.    (Pierpaolo Buzza)    Autopsie    A tre settimane dalla morte di Michael Jackson spunta un    nuovo brano inedito. Stanno esagerando con queste autopsie.      (Alan Perotti)    Droga    Palermo. Cane antidroga scopre corriere con 51 ovuli di cocaina in corpo. Le autorità stanno ancora provando a sfilargli l’animale dal culo.    (Luca Coiro)    Tombe    Berlusconi annuncia di voler cambiare vita e programma una visita a Padre Pio. La nuova cripta in oro massiccio sarà d’ispirazione per un’esistenza più sobria.    (Stefano Rapone)    Cantautori    D’Orazio: “Su questo palco lascio il cuore”. Spettacolo raccapricciante alla prima dei Pooh.      (Matteo Fulimeni)    Fughe    Carla Bruni canta per Mandela. Che dopo il primo brano chiede di tornare in prigione.    (Pio Mazzaro)    Pausa caffè    Ghedini si sta talmente abituando a negare e smentire che non riesce più a fare un’ordinazione al bar.    (Massimo Russo Tram.)    Moccia    Ho appena visto Scusa ma ti voglio sposare. Stupendo. Non mi ero mai accorto che lanciando i pop corn in aria si colorassero.    (Matteo Donninelli)    Frattini    Al Qaeda minaccia gli Usa, Frattini risponde: “Non ci impressionano”. Dov’è la notizia? Bè, Frattini non era in vacanza.    (Roberto Nadalin)

di Daniele Luttazzi IFQ

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: