Archive for ‘Salute’

16 settembre 2014

L’espressione che piace agli autistici

ExprGli autistici sono in grado associare stati mentali alle espressioni facciali che osservano, purché queste non siano statiche e neutre.

I bambini autistici sono stati a lungo considerati come affetti dalla difficoltà di interpretare gli stati mentali delle altre persone sulla base delle espressioni facciali, e in particolar modo delle espressioni che coinvolgono principalmente l’area intorno agli occhi. Secondo alcuni ricercatori proprio questa difficoltà sarebbe al centro di molti dei problemi sociali con cui si trovano a confrontarsi. Ora uno studio condotto da ricercatori dell’ Università di Nottingham e pubblicato sull’ultimo numero diChild Development – organo della Society for Research in Child Development – mostra invece che i bambini autistici sono in grado di interpretare gli stati mentali quando stanno osservando un’espressione facciale animata.

Nel loro esperimento i ricercatori hanno mostrato ai loro soggetti immagini dinamiche in cui diverse parti del viso, come gli occhi o la bocca, potevano venire però “congelate”, in modo da restare statiche e neutre. In una prima prova, diciotto bambini e ragazzi autistici sono stati in grado di attribuire un certo spettro di stati mentali alle immagini osservate, ma con minore efficienza rispetto ai soggetti normali, e con migliori esiti quando occhi e bocca non erano “congelati” e neutri. Contro le aspettative, in un secondo test, in cui venivano mostrati soltanto gli occhi, isolandoli dal resto del viso, i bambini autistici riuscivano peraltro a uguagliare le prestazioni dei soggetti normali.

“Sorprendentemente, i bambini autistici sembrano particolarmente sensibili agli occhi, e anche alla bocca”, ha detto la direttrice della ricerca Elisa Back, ora all’Università di Birmingham.

“Le conclusioni dei precedenti studi erano ampiamente basate sulla presentazione di fotografie, cioè di immagini statiche. Il nostro studio indica che una più accurata misurazione delle capacità delle persone con autismo

può essere ottenuta con sofisticate tecniche di animazione digitale che movimentano le espressioni facciali.”

Le Scienze – Edizione italiana di Scientific American

Expr1

Annunci
5 marzo 2013

A Newborn May Be Cured of HIV. Is the End of AIDS Near?

Dr. Deborah Persaud of Johns Hopkins' Children's Center in Baltimore.

Researchers say a newborn baby born with HIV has been functionally cured of the disease. Could it lead to a cure for HIV?

At the annual Conference on Retroviruses and Opportunistic Infections in Atlanta, scientists led by Dr. Deborah Persaud of Johns Hopkins University said that they had essentially cured a Mississippi baby of the HIV infection transmitted from its mother. The case is apparently the first in which a newborn was cured of the disease; only one other patient, Timothy Brown, known as the Berlin patient, is also believed to be cured. Brown was able to rid himself of the virus with a transplant of bone-marrow cells containing stem cells from a donor who had immune components able to thwart HIV. Brown received the transplant in 2006 and no longer needs to take anti-HIV drugs.

The baby’s mother was diagnosed with HIV when she arrived in the hospital to give birth; she had not received prenatal care, which includes therapies that can reduce transmission of HIV from mother to child by close to 100% if used properly. Doctors typically give infected mothers anti-HIV drugs several weeks or months before they give birth, as well as during labor, and continue the medications for the baby’s first six weeks. Even initiating the drugs during labor can significantly lower the risk of transmitting the virus; in the U.S., only about 25% of babies born to HIV positive mothers who don’t receive any treatment are infected with the virus, and that drops to a few percent with such interventions.

(MORE: Rethinking HIV: After Five Years of Debate, a New Push for Prevention)

If their mothers are HIV positive, newborns are generally given two antiretroviral drugs, or ARVs, on a just-in-case basis; at 6 weeks old, they are tested for the virus, and if they are positive, then their drug regimen is bumped up to a more aggressive therapy involving three anti-HIV drugs. If the babies are negative, they stop taking the medications.

In the Mississippi baby’s case, since the mother had not received any prenatal HIV care, her physician, Dr. Hannah Gay, decided to skip the six-week period on preventive drugs and jump directly to the more aggressive three-drug regimen within 30 hours of birth in order to give the baby the best chance of fighting off the virus. That idea of hitting the virus hard with drug treatments soon after infection to knock it out has been gaining ground in the HIV community in recent years, as studies show adults who have recently been exposed are able to lower their risk of infection if they begin anti-HIV therapy as soon as possible; more exciting results suggest that the medications can even prevent infection among healthy, uninfected individuals as well, if taken before high-risk activities such as unprotected sex.

After Gay began administering treatment, levels of the virus in the baby’s blood began to drop; they became undetectable about a month later. The baby continued to take a potent cocktail of drugs for about 18 months, after which the doctors lost contact with the infant’s family and later learned that the baby had stopped treatment. When the family returned for a checkup 10 months later, Gay and her team could not find signs of HIV in the toddler’s blood. Now 2 years and 6 months old, the child also showed no signs of antibodies to HIV, which suggests that the immune system is no longer seeing the virus and therefore does not need to generate defenses against HIV.

(MORE: Treatment As Prevention: How the New Way to Control HIV Came to Be)

“You always have to be careful when dealing with a single case,” says Dr. Anthony Fauci, director of the National Institutes of Health’s National Institute of Allergy and Infectious Diseases. “You really can’t make a broad extrapolation. But in my mind, this is an important conceptual advance.”

Fauci and other AIDS experts don’t anticipate that the results will lead to a change in the way that newborns, or pregnant women, are treated if they are infected. Existing therapies are already effective at lowering transmission of the virus from mothers to children, and the drugs used to battle HIV come with potentially toxic side effects. “If we are doing our job of identifying pregnant women who are HIV positive, treating them and managing their infant accordingly,” says Dr. Mark Kline, chairman of the Department of Pediatrics at Baylor College of Medicine and creator of the Baylor International Pediatric AIDS Initiative, “we should be preventing close to 100% of cases of pediatric HIV.”

But while effective, these methods aren’t foolproof, and the case raises intriguing questions about whether a cure for HIV is possible in babies who end up infected — and whether that possibility would make exposure to the powerful drugs worth the risk.

“If this is truly an effective way to actually cure a baby, then we what we want to throw into the risk-benefit ratio is the fact that if you cure a baby, you can stop therapy in that baby after a year or so, and you’ve saved that baby from 60 years of ARV therapy,” says Fauci.

(MORE: Making House Calls — to Africa)

Confirming the result now becomes a priority for pediatric AIDS researchers, since there is still the possibility that the baby was on one of the rare but fortunate few who have a natural ability to keep HIV from establishing a foothold in the body. These elite controllers, or long-term nonprogressors, as they are known, harbor HIV in their blood, but are able to keep the levels of virus very low and suppress HIV’s activity enough to keep them free of any symptoms of infection. According to Johns Hopkins’ Persaud and her team, however, the toddler is not likely to be one of these, since the child does not show any signs of active HIV activity. Elite controllers often have enough virus in their system that it can be extracted from their blood and cultivated in a lab; while the child’s blood did show fragments of HIV genetic material, none of these elements could seed new viral growth on a lab dish. “Elite controllers have certain combinations of characteristics that we don’t see in this child,” says Rowena Johnston, vice president and director of research for amfAR, which provided grants to Persaud for some of her HIV work. “They have certain types of immune responses that are absent in this child, so this kid seems distinct from elite controllers and long-term nonprogressors.”

Further work will need to confirm whether that’s indeed the case, but in the meantime, Fauci says the finding should generate more research into how the newborn immune system, which is still immature and developing, interacts with HIV. “We don’t know a lot about the relationship between the virus and the immature immune system of a baby,” he says. “But it’s a really important question.” Those insights could lead to a better understanding of how even adult responses to HIV could be manipulated to better fight off infection and potentially keep HIV from progressing into advanced AIDS. “Once we have any new insights about the virus and immune system, it helps everything,” he says.

In addition, the case study also introduces the idea that curing HIV may not necessarily come in the form of a one-size-fits-all therapy. For newborns, it could involve hitting the virus hard with powerful anti-HIV drugs immediately after birth; for other groups, it may mean some other type of treatment. “Different populations are infected by different routes and different mechanisms, so how we cure infections may be achieved through different mechanisms,” says Johnston. “That’s a fascinating possibility that not a lot of people have thought about before.”

By . Time.com

wwwnc.cdc.gov

4 marzo 2012

Ricavo e traffico: i dubbi di Parigi

Il dossier” sulla Lione-Tori-no “ha un carattere incompleto… il suo grado di coerenza e di precisione è spesso inferiore a quello che ci si potrebbe attendere da uno studio di impatto riferito a un’opera di questa portata”. A dirlo non sono i No-Tav della Val di Susa, ma un documento dell’Agenzia Nazionale per l’Ambiente francese. Un soggetto pubblico. Che, pur con linguaggio diplomatico, avanza dubbi clamorosi: i calcoli dei traffici e della redditività potrebbero essere stati compiuti su dati non più validi e forse troppo ottimistici. Ma un documento che soprattutto dice: “La valutazione socio-economica del progetto stima che sarà a partire dal 2030-2035”, dopo la realizzazione delle opere che metteranno fine al doppio utilizzo passeggeri-merci della linea, “che si potrà operare una svolta modale importante”. Ma il progetto low cost su cui puntano adesso Italia e Francia prevede ancora le strutture essenziali per separare i traffici passeggeri e merci rendendo vantaggiosa la linea?

   Il documento di 28 pagine (firmato nel dicembre scorso) contiene decine di “raccomandazioni” alla società realizzatrice su questioni non secondarie, come la valutazione degli impatti ambientali. Un rapporto che arriva in un momento delicato per la Francia: siamo alla vigilia delle elezioni e la Lione-Torino sembra non convincere più tutti.

   L’Autorità Ambientale francese “raccomanda di rimediare”. Non bocciati, ma rimandati, questo sì. Si parla “dell’impatto ambientale complessivo” delle strutture connesse alla nuova linea ferrovia-ria. L’Autorità non si accontenta della documentazione presentata da Rff (la società pubblica che gestisce la rete ferro-viaria francese, gemella dell’italiana Rfi, assieme alla quale gestisce il cento per cento delle azioni della Lyon-Turin Ferroviaire) chiede approfondimenti sulla “sistemazione delle stazioni e delle tratte urbane resa necessaria dal traffico più intenso”. Pretende poi chiarimenti della sistemazione “dei campi e dei boschi” attraversati dalla nuova linea.

   Il rischio inondazioni

   All’impatto ambientale sono dedicate sette pagine. L’Autorità “ritiene che lo studio di impatto non ha il livello di precisione, di completezza e non tiene adeguatamente conto delle specificità locali”. Partiamo dall’acqua: “Si raccomanda di completare gli studi… e di precisare le misure tecniche che si intendono prendere… tenuto conto dell’importanza dell’elemento “acqua” per questo progetto”. Un capitolo fondamentale riguarda le zone umide e a rischio inondazioni. L’opera, raccomanda l’Autorità, “deve essere trasparente”, cioè non deve ostacolare il deflusso delle acque: “La società Rff deve dimostrare la trasparenza idraulica dell’opera, senza limitarsi ad affermarla”.

   C’è poi la questione dello “smarino” che preoccupa anche in Val di Susa: “Nello studio sull’impatto bisogna fornire dettagli sul trattamento del materiale proveniente dallo scavo dei tunnel, che richiederà lo smaltimento di dieci milioni di metri cubi ”. Quindi il punto forse più scomodo per i sostenitori dell’opera in cui si raccomanda un “migliore studio sull’impatto” precisando “la valutazione socio-economica del progetto”. Qui l’Autorità pare mettere in discussione i dati sulla redditività dell’opera: “Tenuto conto della fortissima probabile sensibilità dei risultati di redditività alle ipotesi delle diverse scadenze, l’Autorità raccomanda di mettere in relazione le ipotesi di traffico dello studio socio-economico con quelle dello studio di impatto” tenendo in conto le diverse fasi del progetto “e di indicare la sensibilità dei risultati a ipotesi di traffico merci più deboli di quelle considerate…”. Insomma, il calcolo dei benefici non può essere effettuato sull’ipotesi più ottimistica. L’Autorità avverte di “aver avuto comunicazioni di nuove previsioni di traffico differenti da quelle che sembrano essere state prese in considerazione nella valutazione socio-economica attuale…”. L’Autorità non ha potuto conoscere “per giunta gli impatti di queste nuove ipotesi sui calcoli di bilancio del progetto”. E qui un punto chiave: “Il risultato abbastanza debolmente positivo (dei calcoli presentati dalla società realizzatrice, ndr) è dipendente da una parte di ipotesi di traffico non stabilizzato e dall’ipotesi di scadenze di lavoro molto serrate”. In sostanza l’Agenzia pare dubitare che “un ritardo, che non appare inverosimile” nella realizzazione dell’opera “modificherebbe la redditività ipotizzata”. Dubbi sostanziali. L’Autorità raccomanda: occorre chiarire in che cosa la redditività sarebbe influenzata dai ritardi per dare “una buona informazione al pubblico sulla reale utilità del progetto”.

   Il dossier dell’Autorità non è passato inosservato in Francia. Le associazioni ambientaliste Frapna e Fne inizialmente avevano dato il via libera al Tav, adesso chiedono una proroga della discussione pubblica. Alcuni partiti, come anche una parte dell’Ump, cominciano a nicchiare.

   Dubbi cugini

   Difficile dire se nella battaglia del Tav si stia per aprire un fronte francese. Finora la popolazione era in gran parte favorevole. Merito anche del lungo lavoro di preparazione compiuto dai governi di Parigi . La legge del 2002 ha previsto che in val Maurienne l’86% delle imprese siano locali. Il personale dei cantieri si appoggia ad alberghi e ristoranti della zona. Poi sgravi fiscali, ipotesi di destinare alle comunità locali il ricavato della vendita della roccia scavata. Per finire con il dibattito pubblico che si sta concludendo in questi giorni. Vero, i lavori per le gallerie preliminari sono quasi finiti. Ma in Francia da più di dieci anni stanno lavorando anche per preparare il terreno “umano”.

di Ferruccio Sansa, IFQ

Fermarci è impossibile Lo striscione al corteo No-Tav di Bussoleno. Appuntamento oggi a Giaglione, per una “polentata” accanto al cantiere (FOTO ANSA)

27 gennaio 2012

iPhone e BlackBerry da tenere lontani

La penultima volta che ho letto le istruzioni è stato quando ho comprato il mio primo cellulare. Doveva essere il 1993. L’ultima volta che ho ripreso in mano un libriccino del genere, invece, coincide con il momento esatto in cui ho deciso di scrivere questo libro. Poco più di un anno fa. Non tanto perché il mio splendido iPhone fosse troppo complicato da usare, ma perché mi avevano raccontato una cosa alla quale non potevo credere. Così ero andato a verificare nel manualetto più smilzo ed elegante della storia della telefonia. A pagina 7 della Guida alle informazioni importanti sul prodotto, nel capitolo “Esposizione all’energia a radiofrequenza”, dopo aver spiegato in dettaglio dov’erano collocate rispettivamente l’antenna per la voce e quella per i dati, c’era effettivamente scritto: “Quando usate l’iPhone vicino al vostro corpo per chiamate o per trasmissione dati attraverso una rete cellulare, tenetelo ad almeno 15 millimetri di distanza dal corpo e usate soltanto custodie, clip da cintura o fondine che non abbiano parti metalliche e che mantengano almeno 15 millimetri di separazione tra l’iPhone e il corpo”.

STUPEFACENTE.

Dicevano, in pratica, che fra quel gioiellino di design e la mia testa doveva intercorrere lo spessore di un sigaro Cohiba o una moneta da un euro messa di piatto. Che è un po’ come se le istruzioni del vostro rasoio elettrico si raccomandassero di non usarlo a contatto con la pelle. O se sul flacone di smalto da unghie consigliassero di lasciar colare la tinta dall’alto e non spalmarla con il pennellino. Se no che poteva succedere? Tra gli smartphone, quanto a radiazioni, il mio non era neppure il peggiore. Il BlackBerry, apparecchio d’ordinanza dei manager e dei forzati dell’email in tempo reale, ne emetteva assai di più. La guida al modello Torch ammonisce: “Usate dispositivi hands-free (auricolari o vivavoce, nda) se disponibili e tenete il BlackBerry ad almeno 25 millimetri dal corpo (incluso l’addome di donne incinte e il basso ventre degli adolescenti) quando l’apparecchio è acceso e connesso alla rete”. Più sotto aggiungevano anche, come se niente fosse, di “ridurre la durata delle telefonate”. (…) Questo libro riguarda tutti, nessuno escluso. Ci sono attualmente nel mondo, ha calcolato l’ex dirigente Nokia Tomi T. Ahonen, 5,2 miliardi di schede telefoniche mobili attive. In cima a questa classifica ci stiamo noi. In Italia, confermava l’Eurostat ancora nel 2008 e un’indagine Ofcom alla fine del 2010, sono il 152 per cento (meglio, o peggio, di noi fanno solo gli Emirati arabi uniti, dove il rapporto è di due a uno). E chi vince nel campionato mondiale di chi possiede più smartphone rispetto alla popolazione? Avete indovinato. Sempre noi, indomiti acquirenti dei modelli più performanti e sofisticati. (…) Ecco, se fossero veri anche metà, ma diciamo pure un decimo, degli studi che segnalano rischi per la salute da un uso intensivo del cellulare, ci sarebbe da preoccuparsi non poco. E purtroppo le sperimentazioni, gli articoli scientifici e le meta-analisi che lanciano l’allarme sembrano sempre più solide.    Il loro limite, piuttosto, è di essere inevitabilmente in ritardo rispetto alla realtà. Dunque, se i pessimisti hanno ragione e la società diventerà sempre più wireless, i problemi non potranno che aumentare. Già oggi la maggior parte della scienza concorda nello stabilire un maggior rischio di cancro per chi ha usato il cellulare da mezz’ora al giorno in su, per almeno dieci anni. Non si tratta di un piccolo scarto. Per i gliomi, tumori maligni, nella più conservativa stima dell’Interphone, lo studio internazionale più ampio sull’argomento, si va da un +40 per cento a un quasi raddoppio. Mentre nei risultati dello scienziato svedese Lennart Hardell il rischio diventa doppio per chi usa il cellulare per più di 30 minuti al giorno.

CE N’È PIÙ che abbastanza per porsi delle domande e pretendere delle risposte. Il che significa anche ricordare le somiglianze storiche con altri allarmi lungamente inascoltati, primo fra tutti il rapporto tra fumo e cancro ai polmoni. Ci sono voluti quasi sessant’anni per provarlo. Ma le aziende lo sapevano da tempo. Fine della somiglianza, perché non ho la benché minima prova per sostenere che ora le aziende sappiano. Ciò che può restare identico, oggi come ieri, è il dubbio metodologico nei confronti di tutti, produttori di cellulari e operatori inclusi.

di Riccardo Staglianò, IFQ

(FOTO ANSA)

24 novembre 2011

Violenza contro le donne, è pandemia In Italia 651 omicidi in cinque anni

Sei donne su dieci, in tutto il mondo, hanno subito aggressione sessuale nel corso della loro vita, quasi sempre ad opera di mariti e familiari. La violenza domestica è una realtà quotidiana per oltre seicento milioni di donne. Domani la giornata internazionale contro la violenza fissata dall’Onu.

Sebbene in 125 paesi esistano leggi che penalizzano la violenza domestica, e l’uguaglianza tra uomini e donne sia garantita in 139, sei donne su dieci, in tutto il mondo, hanno subito violenza fisica e sessuale nel corso della loro vita, quasi sempre a opera di mariti e familiari. Lo ha sottolineato Michelle Bachelet, direttore di UN Women, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che si celebra in tutto il mondo il 25 novembre.

“La violenza contro le donne ha la portata di una pandemia  –  sottolinea  nel suo messaggio l’ex presidente cileno, che chiede ai governi di intervenire in modo deciso. – Oggi due paesi su tre hanno leggi specifiche che puniscono la violenza domestica, e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite indica nella violenza sessuale una tattica deliberata di guerra, eppure le donne continuano ancora a essere vittime di abusi. E questo non per mancanza di consapevolezza, ma perché manca la volontà politica di venire incontro ai bisogni delle donne e di tutelare i loro diritti fondamentali”.

“Quando ero ragazzina in Cile c’era un detto, quien te quiere te aporrea, chi ti vuole bene ti picchia. E’ sempre stato così, sospiravano le donne; ma oggi questa violenza non può più essere considerata inevitabile e va identificata per quello che è, una violazione dei diritti umani, una minaccia alla democrazia, alla pace e alla sicurezza, un pesante fardello per le economie nazionali. E invece è uno dei crimini meno perseguiti nel mondo”.

Seicentotre milioni di donne vivono in paesi nei quali la violenza domestica è considerata un fatto strettamente privato. Oltre 60 milioni di bambine vengono costrette a sposarsi, e sono tra i 100 e i 140 milioni le donne che hanno subito mutilazioni genitali; mancano all’appello, in tutto il mondo, 100 milioni di bambine che non sono venute al mondo perché vittime della pratica dell’aborto selettivo; almeno 600mila donne ogni anno sono vittime della tratta a sfondo  sessuale.  Tutto questo in un mondo in cui due su tre adulti analfabeti sono donne, in cui ogni 90 secondi, ogni giorno, una donna muore durante la gravidanza o per complicazioni legate al parto, nonostante esistano conoscenze e risorse per rendere il parto sicuro.

E da noi? E’ di pochi mesi fa la sentenza di un tribunale italiano che riconosce le attenuanti a un uomo che aveva stuprato una ragazza minacciandola con un’ascia, in quanto la vittima “sapeva che l’uomo aveva un debole per lei”. Ed è di questi giorni la notizia dell’assalto al tribunale di Velletri messo a segno da parenti e amici di tre ventenni, tutti italiani, condannati a 8 anni e sei mesi per lo stupro di una ragazza minorenne. Tutto questo in un paese in cui i femminicidi accertati sono stati negli ultimi cinque anni 651 (92 nei primi nove mesi di quest’anno).

In occasione della mobilitazione internazionale, AIDOS, Associazione italiana donne per lo sviluppo, si unisce alla richiesta di Amnesty International, che esorta l’Unione Europea e tutti i membri del Consiglio d’Europa a firmare e ratificare la Convenzione sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica del Consiglio d’Europa. La Convenzione, adottata dalla Commissione dei Ministri del Consiglio d’Europa a Istanbul nel maggio 2011, è un trattato internazionale giuridicamente vincolante che contiene norme per la protezione delle vittime e il preseguimento dei colpevoli. La Convenzione, aperta agli stati membri del Consiglio d’Europa, all’Unione Europea e a qualunque paese la voglia adottare, entrerà in vigore con il deposito della decima ratifica. Fino ad ora la Convenzione ha ricevuto la firma solo di 17 paesi e dell’Unione Europea, e nessuna ratifica.

“Affinché le donne si possano sentire sicure per strada, in ufficio e nelle loro case, Stati e Unione Europea devono potenziare tutte le misure per eliminare la violenza contro le donne, inclusa la prevenzione, la protezione, il procedimento giudiziario e il risarcimento. Il primo passo è aderire alla Convenzione, mettendo in primo piano il problema della violenza contro le donne”, dice Nicolas Beger, Direttore dell’ufficio istituzioni europee di Amnesty International.

“È inaccettabile- sottolinea Daniela Colombo, Presidente di AIDOS –  che ogni giorno in Europa 5 donne subiscano tuttora violenza. È prioritario che gli Stati del Consiglio d’Europa e l’Unione Europea ratifichino al più presto la Convenzione sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e pongano in atto misure per eliminare la violenza tra le mura domestiche, che costituisce la parte più consistente di tutte le violenze ai danni delle donne”.

Molte le iniziative indette per celebrare la dodicesima edizione della Giornata internazionale. Il Nobel per la pace Shirin Ebadì, a Roma per la presentazione del libro “Tre donne una sfida. Da Kabul a Khartoum, la rivoluzione rosa di Shirin Ebadì, Fatima Ahmed, Malalai Joya”, della giornalista Marisa Paolucci, patrocinato da Telefono Rosa,  incontrerà gli studenti delle scuole romane al Teatro Quirino (un recente sondaggio ha rivelato che il 65 per cento dei ragazzi delle scuole superiori ignora il significato del termine stalking).

di Emanuela Stella, Repubblica.it

27 ottobre 2011

Aversa, tagliano i fondi al ristorante strappato a Gomorra

L’anticamorra dei fatti, che produce belle esperienze di riscatto, sta per soccombere di fronte ai tagli di bilancio. È quel che sta accadendo a San Cipriano d’Aversa, paese cruciale nella mappa dei clan casalesi, dove il presidente della cooperativa sociale “Agropoli”, Peppe Pagano, il 17 ottobre ha iniziato uno sciopero della fame. Pagano protesta perché potrebbe essere costretto a chiudere il ristorante aperto dalla coop, la Nco (acronimo che è un gioco di parole: sta per ‘Nuova cucina organizzata’ e non per la ‘Nuova camorra organizzata’ di cutoliana memoria). E sarebbe davvero un peccato perché la coop, attraverso la Nco e utilizzando un bene confiscato al killer Pasquale Spierto, ha dato il via a un’iniziativa di grande rilevanza su un territorio difficile.

GRAZIE AI BUDGET di salute, che consentono progetti terapeutici individuali finalizzati all’inclusione sociale, la Nco si prende cura di persone con disabilità mentali e impiega alcuni di loro nel ristorante dove tra un piatto e l’altro si organizzano presentazioni di libri ed eventi anticamorra. Pochi giorni fa, però, la doccia fredda di una breve lettera dell’Asl: i soldi non ci sono, le persone in cura nella Nco vanno assegnati altrove. “Stanno silenziosamente smantellando il sistema dei budget di salute – afferma Pagano – così dovremo chiudere il ristorante che fattura 230.000 euro, dei 425.000 complessivi della coop, produce profitti coi quali abbiamo ristrutturato per la collettività il bene confiscato, e rappresenta un’ottima terapia occupazionale per persone che altrimenti finirebbero in strutture dove la malattia si cronicizza. Le coop non sono pagate da un anno, mentre i centri privati da sei mesi. In questo modo stanno delegittimando la nostra attività, ci lasciano soli di fronte alla criminalità organizzata. Noi siamo persone libere, e questo a qualcuno dà fastidio. Come probabilmente – conclude il presidente della coop – dà fastidio un sistema di assegnazione delle risorse sanitarie che non prevede gare e procedure dove la camorra può esercitare la sua ‘mediazione’”.

“NEGLI ANNI scorsi i ragazzi della Nco hanno subìto numerose intimidazioni – scrive la deputata del Pd Luisa Bossa in un’interrogazione – è assurdo che oggi siano le istituzioni, innanzitutto l’Asl, a compromettere quanto realizzato in anni di duro lavoro”. Pagano non è solo: ha da poco interrotto lo sciopero della fame perché la protesta prosegue attraverso una campagna di digiuno collettivo. Esponenti delle coop casertane, politici, semplici cittadini, sostengono la sua battaglia digiunando a turno per un giorno. E per difendere questa esperienza si è schierato anche Raffaele Cantone, l’ex pm che ha condotto le inchieste sulla camorra casalese. Sul blog che cura sul sito de Il Mattino, Cantone cita la Nco come un esempio “di antimafia vera, non quella parolaia molto di moda” e si chiede: “Da cittadino di queste terre, possiamo perdere un presidio di legalità vera? E’ mai possibile che la legalità si debba solo imporre con arresti e sequestri?”.

di Vincenzo Iurillo, IFQ

3 agosto 2011

Ora lasci perdere quel diavolo di prete

Gentile presidente Vendola, La ringrazio per la sollecita risposta alle domande del Fatto. E La ringrazio doppiamente visto che alcuni colleghi non hanno avuto la mia stessa fortuna, pur ponendoLe interrogativi analoghi ai nostri da molto più tempo. Ma, se Le dicessi che le Sue risposte mi soddisfano, mentirei. La invito pertanto a un serrato confronto in redazione, magari dinanzi alle telecamere della nostra embrionale web-tv, per discutere più a fondo con qualcuno dei suoi storici oppositori.

1. Non ho mai pensato, né dunque scritto, che Lei “faccia affari” con chicchessia. Temo però che faccia fare dei pessimi affari alla Regione che Lei presiede. Per esempio, regalando l’intero ciclo dello smaltimento rifiuti al gruppo Marcegaglia, ricambiato con giudizi più che lusinghieri sul quotidiano di Confindustria, il Sole 24 Ore. Per esempio, affidando ad Alberto Tedesco, titolare di un mostruoso conflitto d’interessi familiare, la Sanità regionale. E, per esempio, scegliendo a trattativa privata, senza gara, il San Raffaele di don Verzé come partner privato della Regione per costruire e gestire il nuovo mega-ospedale di Taranto. Le mie, dunque, sono critiche politiche, non penali, anche se sconfinano quasi tutte nella questione morale: anzi, meglio, nell’irrisolto problema dei rapporti fra politica e affari.

2. Vedo che Lei accenna a un Suo “errore di presunzione”, ma non nomina mai il senatore Tedesco, suo ex assessore alla Sanità, indagato (con richiesta d’arresti domiciliari respinta dal Senato) per gravi reati che avrebbe commesso proprio nei due anni di presenza nella Sua prima giunta. Ancora non è chiaro perché Lei l’avessenominatoproprioallaSanitàquandoTedescoci ha raccontato lui stesso – Le aveva fatto presente che la sua famiglia possedeva aziende fornitrici della Sanità pugliese. Se è a quel caso che allude quando ammette l’“errore di presunzione”, Le fa onore l’autocritica, ma che c’entra la “presunzione”? In quel caso Lei ha dato prova di una preoccupante insensibilità ai conflitti d’interessi, mettendosene in casa uno di proporzioni gigantesche, perfettamente in linea col suo ex partito (Rifondazione) che se n’è sempre bellamente infischiato del conflitto d’interessi di Berlusconi (e dunque di tutti gli altri). Poi, quando è scattata l’indagine per corruzione, Lei si vanta di aver “reagito con radicalità e tempestività”, caldeggiando e/o accettando le dimissioni dell’assessore inquisito (e ci mancherebbe altro). Ma Le pare normale mettere la volpe a guardia del pollaio e poi cacciarla quando – sai che sorpresa – viene beccata a mangiarsi le galline?

3. Anche sulla decisione di costruire un nuovo ospedale a Taranto, e per giunta di affidarlo al San Raffaele, le mie critiche sono squisitamente politiche, e anche un po’ morali, visti i rapporti di don Verzé prima con Craxi, poi con Berlusconi, e visto lo stato prefallimentare del San Raffaele. E vedo che, un po’ tardivamente, dopo le contestazioni dell’Idv, ora le obiezioni cominciano a muovergliele anche i Suoi alleati del Pd. Anzitutto, se il San Raffaele del Mediterraneo è una struttura pubblica (e, almeno per il finanziamento lo è, visto che la Regione spenderà 200 milioni di cui 60 già versati), s’imponeva una gara internazionale, visto l’importo dell’opera. Lei dice di aver scelto quasi due anni fa l’affidamento privato perché il San Raffaele è molto prestigioso e preferiva “un processo accelerato”: e allora perché del nuovo ospedale non è stata ancora neppure posta la prima pietra?

4. Apprendo che Lei considera don Verzé un “diavolo di prete”. L’ha scoperto di recente o lo pensava già l’anno scorso quando, in piena campagna elettorale per la Sua rielezione a governatore, presentando assieme a Lei il mega-progetto San Raffaele del Mediterraneo, quel diavolo di prete ebbe a definirla pubblicamente dinanzi a molti pugliesi in trasferta a Milano “un uomo di grandissimo valore, di grandissima cultura, in grado di trasmettere idee e calore”, “dotato di un fondo di santità come Berlusconi” e invitò tutti a “eleggerlo ancora presidente della Regione Puglia almeno per altri 5-10 anni”, impegnandosi in caso di mancata elezione a “nominarlo comunque presidente del San Raffaele del Mediterraneo”?

5. L’utilità o meno del nuovo ospedale – ne convengo con Lei – è “opinabile” come ogni scelta politica. Ma continuo a domandarmi come spera, Lei, di ridurre il turismo sanitario dei malati tarantini fuori città o fuori regione sostituendo due vecchi ospedali da 680 posti letto in tutto con uno nuovo da 580 (come risulta a me) o dotato degli “identici posti letto” (come mi scrive Lei). Oltre ai due ospedali tarantini esistenti, il Suo piano prevede di chiuderne altri tre nella provincia di Taranto, 18 in tutto nell’intera regione. Forse la sanità pugliese, una delle più indebitate d’Italia, dovrebbe risparmiare quattrini, rinunciando al faraonico San Raffaele per ammodernare le strutture esistenti e migliorare i servizi: sbaglio o in Puglia il tempo di attesa medio per una mammografia o un esame cardiologico oscilla fra i due e i tre anni? Oltretutto la Sua giunta, presidente Vendola, ha appena alzato l’aliquota dell’addizionale Irpef fino al tetto massimo per coprire il buco sanitario: non era meglio colmarlo con i 200 milioni destinati a donVerzé, invece di tassare un’altra volta i pugliesi?

6. L’unica risposta in prosa della Sua poetica lettera, è l’annuncio di sospensione del bando per la progettazione del nuovo nosocomio alla luce del mega-buco di 1 miliardo di euro che ha portato il San Raffaele sull’orlo del fallimento. Perché – scrive Lei – “se il San Raffaele fallisce, cercheremo un nuovo partner”. Monsieur de Lapalisse, quello che un quarto d’ora prima di morire era ancora vivo, non avrebbe potuto dire meglio. Il guaio è che lo stato di decozione del San Raffaele non è una scoperta dell’ultim’ora. Forse una gara pubblica avrebbe fatto emergere i buchi neri della fondazione di don Verzé & Berlusconi fin dall’inizio. Tantopiù che gli affari pugliesi del San Raffaele sono racchiusi in una fantomatica società “13 maggio”, che associa don Verzé a due imprenditori già finiti sotto inchiesta (quelli della nota cooperativa ciellina La Cascina) e che era presieduta fino a un mese fa da Mario Cal, il braccio destro di quel diavolo di prete, ora prematuramente scomparso perché si è sparato quando la Procura di Milano ha messo il naso nei conti. Ecco, invece di attendere l’eventuale fallimento della Fondazione per cercare un nuovo partner, non sarebbe il caso di fermare le bocce e rimettere tutto il progetto in discussione? Magari un sostenitore come Lei delle primarie potrebbe promuovere un bel referendum tra i pugliesi, per sapere direttamente da loro quale soluzione preferiscono.    7. Taccio sull’incredibile speculazione edilizia che si cela dietro il progetto del nuovo ospedale, con la Fintecna Immobiliare (ministero del Tesoro, Tremonti-Berlusconi) che baratta la variante urbanistica necessaria per costruirlo sulle sue aree in cambio della destinazione a edilizia residenziale, uffici e centri commerciali di terreni riservati a verde, parcheggi, ospedali. Ma pure questo è un problema, non trova?

8. A proposito dell’Ilva di Taranto: il 26 giugno l’Arpa Puglia (controllata dalla Regione) vi ha riscontrato il doppio delle emissioni consentite dalla legge regionale. Il picco è stato registrato a maggio con la presenza di diossine e furani nei fumi delle emissioni del camino del siderurgico, con un valore medio di 0,70 nanogrammi al metro cubo (contro 0,40 consentiti). Dove sarebbe dunque il mirabolante miglioramento ambientale da Lei vantato? È fantascienza o prosa amministrativa? Narrazione, poesia o che altro?

di Marco Travaglio, IFQ

3 agosto 2011

Le mie ragioni su don Verzé

Gentile Direttore, nel 2005 Taranto era una città agonizzante, con una classe dirigente impresentabile, con apparati burocratici spesso corrotti e incompetenti, con sistemi di potere diffusamente infiltrati dalla malavita. Il Comune, la Asl, lo Iacp (Istituto autonomo case popolari) erano autentici “buchi neri” e non solo dei rispettivi bilanci. Il più inquinato capoluogo del Sud era passato dalle gesta populiste di Giancarlo Cito alla finta modernità aziendale di Rossana Di Bello. Un disastro che porta Taranto al record del più importante dissesto finanziario dell’intera storia italiana. Sullo sfondo di queste miserie altre miserie, la povertà esplosiva di periferie in totale abbandono, l’ingorgo di ciminiere industriali mai monitorate e, per aria e nel mare, tonnellate di inquinanti di ogni tipo. Ecco Taranto. Una città appesa alle millanterie della peggiore destra italiana, ma anche una città malata, oppressa dai veleni e dalla paura, prigioniera della propria disperazione. Io ho impegnato l’azione della mia amministrazione su molti fronti: innanzitutto quello ambientale, imponendo all’Ilva una normativa drastica di riduzione delle diossine e dei furani, e poi una normativa anti-benzoapirene, portando i controlli a tappeto su tutto il territorio ionico.    La politica è stata per decenni il notaio degli interessi dei grandi gruppi industriali allocati a Taranto, con noi è cambiata la musica. Poi abbiamo dotato la rete sanitaria del Tarantino di infrastrutture e grandi macchine, perché la domanda di salute è particolarmente pressante laddove per oltre un secolo la città ha vissuto con l’amianto e con altri ingredienti funesti. Ma il ciclo della salute non può che essere, insieme alle bonifiche ambientali, una delle grandi linee strategiche di un diverso modello di sviluppo. Il punto è tutto qui. I due ospedali tarantini, il Santissima Annunziata e il Moscati, sono due strutture vetuste ed obsolete, del tutto inadeguate ad attrarre una domanda di ricovero e cura che è in costante fuga verso il nord e verso il circuito privato. Ricordo a me stesso che la mobilità passiva (e cioè i ricoveri fuori provincia) della sola Asl di Taranto costa alla Puglia circa 120/130 milioni di euro all’anno: come se ogni anno la mia regione regalasse un nuovo ospedale alla Lombardia. Per questa ragione abbiamo deciso di dotare Taranto di un ospedale pubblico di livello internazionale, un’opera di oltre 200 milioni di euro.

MA CHE COS’È un ospedale? E cos’è un ospedale connesso all’università e quindi alla didattica e alla ricerca? Forse qualcuno pensa che si tratti di disegnare delle scatole e poi di riempirle di tecnologie e di équipe sanitarie. Non è così facile. Un ospedale è un’azienda che deve durare nel tempo, deve cercare di nascere in sintonia con le migliori pratiche mediche, deve essere una struttura che conosce la realtà epidemiologica del proprio territorio. Si poteva affidare a un qualche ufficio tecnico locale la pratica del nuovo polo della salute? Diciamo che la fantascienza mal si concilia con la prosa amministrativa.

Abbiamo peccato nell’affidare al Centro ricerche dell’Università Bocconi la predisposizione del progetto preliminare? Io non credo. Potevamo scegliere di continuare a rattoppare i nosocomi esistenti? Certo, ma io penso che Taranto meritasse e meriti una risposta di radicale innovazione. Appunto: un polo della salute (cura, didattica, ricerca). Come lo facciamo? Qui entra in campo il San Raffaele di Milano, per una semplice ragione. Si tratta dell’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico che occupa il primo posto nella classifica italiana degli Ircs. Si tratta dell’Università privata anch’essa saldamente in testa alla classifica della qualità. Cosa fa la Regione Puglia con il San Raffaele di Milano? Regala soldi a don Verzé? E io ignoro forse che don Verzé è amico del premier? Provo a rispondere. Noi non regaliamo un euro a nessuno. La struttura è pubblica, noi non abbiamo alcuna cointeressenza finanziaria col San Raffaele di Milano, il fatto che don Verzé sia amico di Berlusconi non cambia la classifica della qualità scientifica del polo milanese della salute. A me sta a cuore solo Taranto. Il San Raffaele è partner di una fondazione in cui la Regione Puglia è l’attore centrale e controlla la cabina di regia di questo progetto: questa fondazione ha la gestione sperimentale dello start up e dei primi 3 anni di vita del futuro complesso sanitario. Finita la fase sperimentale la Regione decide come proseguire.

NEL NUOVO ospedale ci sono gli stessi identici posti letto previsti dal piano di rientro per i due nosocomi attualmente funzionanti. I contratti che medici e infermieri stipuleranno saranno quelli del pubblico impiego. Ovviamente noi, di fronte all’attuale crisi del San Raffaele di Milano, abbiamo sospeso la pubblicazione del bando per la progettazione, in attesa che la situazione si chiarisca. Se il San Raffaele fallisce noi cercheremo un nuovo partner e andremo avanti. Comunque andrà Taranto avrà il suo polo ospedaliero nuovo e sarà una grande opera pubblica. Lo dico ai miei critici in buona fede: le scelte sono tutte opinabili, chi ha responsabilità pubbliche deve ogni giorno assumere decisioni. Spesso si può sbagliare. Don Verzé è un diavolo di prete e non è lui il mio riferimento spirituale né intendo fare affari con lui (anche perché io non faccio affari).

STO SOLO tentando di dare una grande chance a una città che ha troppo sofferto. Caro Direttore, approfitto della tua generosa ospitalità per una nota a margine. Da circa 30 mesi rispondo, quasi tutti i giorni, sulle brutte storie della sanità pugliese. Non mi sono mai nascosto dietro a un dito, non ho mai minimizzato la portata della “questione morale” anche nel centrosinistra. Ho sempre riconosciuto il mio errore di presunzione (chi lavora con me non può farsi neppure sfiorare da tentazioni diaboliche). Tuttavia, ho anche rivendicato la radicalità e la tempestività con cui ho reagito alle prime avvisaglie delle inchieste. Anzi, ho cercato di fare di più. Ho voluto una legge, l’unica che c’è in Italia, che scolpisce un percorso di formazione e selezione del management sanitario, lo affida a selezionatori indipendenti e di grande autorevolezza scientifica, lo sottrae al negoziato con i partiti. Se Dio vuole, abbiamo sfidato la cattiva politica.

di Nichi Vendola, IFQ

2 agosto 2011

Nàrraci, o Nichi, le gesta di don Verzé

Dev’esserci un misterioso black-out che ostruisce le comunicazioni fra Puglia e Lombardia. Ieri infatti, mentre a Milano è sempre più probabile il fallimento della Fondazione San Raffaele di don Luigi Verzé, sprofondata in un buco di quasi 1 miliardo, a Bari il governatore Nichi Vendola conferma “di voler investire 200 milioni di euro nel più grande ospedale pubblico del Mediterraneo, il San Raffaele del Sud, l’opera che Taranto merita”. Ospedale pubblico nel senso che i soldi li mettono i cittadini pugliesi: 60 milioni già anticipati al San Raffaele, altri 14-150 in arrivo, sempre a carico dei contribuenti. La gestione invece (la chiamano “sperimentazione gestionale”) resterà privata, privatissima, affidata alla stessa Fondazione del prete affarista, già cappellano di Craxi e di Berlusconi, ma anche di Vendola. Presentando a Milano il progetto con lui alla vigilia delle regionali del 2010, don Verzé ebbe a benedire la campagna elettorale del compagno Nichi: “È un uomo di grandissimo valore, di grandissima cultura, in grado di trasmettere idee e calore. Tutti segni del carisma che il Signore gli ha dato. Lo dovete eleggere ancora presidente della Regione Puglia. Almeno per altri 5-10 anni. Volete il San Raffaele a Taranto? Allora fate votare Vendola! Anche Berlusconi mi ha detto che lo stima molto, lo ritiene una persona per bene”. E ho detto tutto: “Io credo alla santità dell’uomo. E sia Berlusconi sia Vendola possiedono un fondo di santità. Se i pugliesi non saranno così illuminati da rieleggere Vendola, io lo nominerò comunque presidente del San Raffaele del Mediterraneo”. Un quadretto edificante, non c’è che dire, se non fosse che nella pia opera finanziata dalla Regione il San Raffaele non metterà un euro: il partner privato che si accollerà una parte dei costi verrà scelto con una gara di project financing, ma non sarà il San Raffaele (e meno male, visto che ha le casse vuote e 500 milioni di debiti coi creditori, tanto che qualcuno comincia a domandarsi che fine abbiano fatto i 60 milioni già anticipati dalla Regione Puglia). Fra l’altro la fondazione San Raffaele del Mediterraneo, appena nata, ha già dovuto cambiare presidente perché l’assessore al Bilancio Michele Pelillo, finanziatore istituzionale della società, aveva avuto la bella idea di mettere a presiederla un suo socio di studio, l’avvocato Paolo Ciaccia, costretto a dimettersi per le prevedibili polemiche sul conflitto d’interessi. Un replay del caso Tedesco, nominato assessore alla Sanità da Vendola malgrado la sua famiglia fosse fornitrice della Sanità regionale. Si dirà: molti malati di Taranto devono emigrare fuori città o fuori regione, dunque il nuovo mega-ospedale serve. Mica tanto: il San Raffaele dovrebbe rimpiazzare i due vecchi ospedali tarantini, il SS. Annunziata e il Moscati che, per quanto decrepiti, vantano 680 posti letto contro i 580 di quello nuovo. Le domande a questo punto nascono da sole. 1. Non è meglio, in una delle regioni col bilancio sanitario più dissestato, investire qualche milione per ammodernare i due ospedali esistenti, anziché buttare 200 milioni in uno nuovo che per giunta farebbe perdere 100 posti letto? 2. Cos’è saltato in mente a Vendola di affidarne la gestione (analisi costi-benefici, bando di gara per progettazione e costruzione, direzione sanitaria) al San Raffaele, “partner privato scelto – denuncia l’alleato Antonio Decaro, capogruppo Pd in Regione – in via diretta senz’alcuna procedura di evidenza pubblica”? 3. Non è opportuno rimettere tutto in discussione almeno ora, visti i “requisiti gestionali” dimostrati dal San Raffaele sull’orlo del crac? Onde evitare un nuovo caso Tedesco nella sanità pugliese, forse è il caso che Vendola risponda alle contestazioni dei suoi stessi alleati, ma soprattutto ai dubbi di tanti elettori, con un’adeguata “narrazione”. Possibilmente non in poesia, ma in prosa.

di Marco Travaglio, IFQ

26 luglio 2011

Lazio, i soldi per la pubblicità sì quelli per i pazienti mai

La Polverini spende 15 milioni di euro per la comunicazione aerea Intanto l’ospedale Santa Lucia rischia di chiudere

   Chissà cosa penseranno i pazienti, piccoli e grandi, ricoverati al Santa Lucia quando vedranno sfrecciare nei cieli della Capitale roboanti aerei o elicotteri addobbati con le icone della Regione Lazio. I bimbi (quelli che saranno nelle condizioni di farlo) forse saluteranno con la manina. Non sapranno che, per pubblicizzare il Colosseo o l’Agro Pontino, la presidente Polverini spende 15 milioni di euro in tre anni, cinque dei quali in soli tre mesi del 2011. Eppure, quando uno dei migliori istituti in Italia per la riabilitazione neuromotoria (accreditato presso la Regione) chiuderà, forse anche quei pazienti si interrogheranno sulle scelte incomprensibili della politica laziale. Lo farà sicuramente il giornalista Lamberto Sposini, ricoverato lì da qualche giorno dopo l’emorragia cerebrale che lo ha colpito a fine aprile pochi minuti prima di andare in onda. Per volere della famiglia, l’istituto non diffonde bollettini medici, ma da quando è stato trasferito le sue condizioni sembrano migliorare.

LA FONDAZIONE Santa Lucia (che è anche un Ircss, Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico) ha maturato un credito nei confronti della Regione Lazio di oltre 90 milioni di euro. Non solo colpa della Polverini, per carità, visto che tutto è cominciato con l’ex presidente Marrazzo. Ma proprio lei, che in campagna elettorale si era spesa con tanto di maglietta per sostenere l’istituto, non solo non ha la minima intenzione di onorare quel debito, ma continua a tenere 2500 pazienti (la media annua dei ricoverati), 750 dipendenti e 450 studenti appesi alle commesse mensili.    La Regione eroga (“ma finora siamo stai pagati solo su protesta”, sottolinea il direttore generale, Luigi Amadio) tre milioni e 200 mila euro ogni mese, soldi che dovrebbero servire a pagare i dipendenti, i fornitori e a garantire gli standard elevati di qualità (anche attraverso la ricerca scientifica) e che invece bastano a malapena per gli stipendi. “Il livello delle prestazioni non è sceso e ci siamo impegnati a corrispondere con puntualità i salari – prosegue Amadio –, ma accumuliamo debiti con i fornitori. Per cui ogni mese quel credito di 90 milioni aumenta”. E questo nonostante una quarantina di ricorsi al Tar e due decreti ingiuntivi del Tribunale di Roma (per sei milioni di euro). Quando finalmente un giudice riuscirà a imporre il pagamento, il danno erariale per la Regione sarà tale che forse anche la Corte dei conti avrà qualcosa da ridire. La governatrice, nel giugno scorso, ha annunciato al mondo di aver elargito al Santa Lucia 48 milioni di euro. Se fosse vero, mancherebbero giusto i 15 spesi per la pubblicità a garantire al Santa Lucia la sopravvivenza annua. Ma invece, secondo la Fondazione, non sono arrivati neanche quei 48: “La Regione ha corrisposto i tre milioni e 200 mila euro al mese in sette tranche, per un totale che supera di poco i 22 milioni”, fanno sapere dalla direzione.

FORSE ALLORA la presidente ha fatto una gran confusione, o non è stata bene informata: per il 2010 la Regione aveva proposto alla Fondazione un contratto di remunerazione di 51 milioni, a fronte dei 65 richiesti. Un contratto che non è mai stato firmato dall’amministrazione.    Eppure per l’istituto si sono spesi anche tanti politici. Oggi sarà la volta del presidente della Camera, Gianfranco Fini, che visiterà l’ospedale, ma in passato si sono interessati della sorte del centro il Campidoglio, la commissione Affari sociali di Montecitorio, quella parlamentare presieduta dal senatore Pd, Ignazio Marino, le opposizioni in consiglio regionale. Rispondendo a un’interpellanza urgente della deputata udc Anna Teresa Formi-sano, il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, ha confermato di aver incontrato quattro volte la direzione del Santa Lucia e ha annunciato di individuato una soluzione condivisa. Notizia confermata dal dottor Amadio che, pur non volendo entrare nel dettaglio, ha spiegato che si tenterà un convenzionamento extra budget regionale con l’Inail e con il ministero della Difesa. Ma è chiaro che, fino a quando non si metterà tutto nero su bianco, tra i 325 posti letto dell’ospedale regna lo sconforto.    Chi vive a Roma dalle parti della sede della Regione Lazio ormai ci è abituato: una volta al mese incorre nelle proteste di pazienti in carrozzina, personale e amministrazione del Santa Lucia. Vanno a bussare alla porta della Polverini e della commissione Sanità. Ma si vede che sbagliano giorno. Forse la prossima volta, alzando gli occhi al cielo, potranno salutare la governatrice impegnata in qualche giro d’onore.

di Silvia D’Onghia, IFQ

22 luglio 2011

Quei cinquanta milardi dello Stato spesi senza alcun controllo

Il senatore Mario Baldassarri fa un esempio un po’ cruento da fazendero brasiliano: “I mandriani in Brasile – afferma – se devono guadare un fiume infestato dai piranha, squartano prima un vitello e lo gettano nell’acqua. Poi, quando i pesci si avventano sulla preda, fanno passare indenne tutta la mandria”. La metafora serve a chiarire un concetto: “Quando tutti si fanno paladini dei tagli ai costi della politica indicano noi, il vitello, invece di vedere la mandria che sta passando”. E precisa: “Se noi dimezzassimo, di netto, lo stipendio dei parlamentari, risparmieremmo ogni anno una cifra di 120 milioni di euro, ma sapete quanto costa la mandria ogni anno? Tra i quaranta e i cinquanta miliardi di euro: miliardi, non milioni”. Poi, certo, ammette “non è che dico che non si debba toccare niente, certo le auto blu, o alcuni benefit, ma non è questo il vero costo della politica”. Quale è allora? Cosa è questa “mandria” che nessuno riesce a vedere? Sono gli “acquisti di beni e servizi” della pubblica amministrazione di cui nemmeno il Parlamento conosce il rendiconto preciso. Nel senso, si sa quanto costa l’acquisto, ma non si sa a chi vadano i soldi, nè perchè.

PER CAPIRE meglio quello di cui parliamo buttiamo giù un po’ di cifre. Ogni anno dalle casse pubbliche escono circa 137 miliardi di euro per l’acquisto di beni e servizi: 107 di questi vengono spesi dalle amministrazioni locali, e, all’interno di questa spesa, circa 77 miliardi vengono adoperati per l’acquisto di beni e servizi nel settore della Sanità. Fermiamoci un attimo. Questi sono i dati ufficiali relativi all’anno 2009, certificati dal ministero delle Finanze e dalla Ragioneria dello Stato.    Solo cinque anni prima, nel 2004, la fotografia era alquanto diversa. La torta complessiva era di 113 miliardi, le amministrazioni locali ne spendevano 88, 53 dei quali per gli acquisti nel settore sanitario. Tradotto: in soli cinque anni, la spesa delle regioni è aumentata di 11 miliardi di euro, quella sanitaria, addirittura di 24.    Quei ventiquattro miliardi di euro “in più”, sono circa la metà della manovra economica approvata da Camera e Senato mentre imperversava la tempesta dei mercati.    Un primo dato di cronaca: se sono stati spesi 24 miliardi di euro “in più” nell’acquisto di beni e servizi nel settore sanitario fino a raggiungere, in cinque anni, la cifra di 77 miliardi, gli ospedali del Paese dovrebbero essere assai più ricchi e funzionali di quello che erano nel 2004. È così? No. Allora perchè la spesa è lievitata – senza controllo – a quel modo?    PERCHÈ, argomenta il senatore di Fli, membro della Commissione Bilancio di Palazzo Madama dopo essere stato vice ministro dell’Economia nel passato governo Berlusconi (2001-2006), quegli “sprechi” possono nascondere “malversazioni e possibili intrecci grigi tra politica ed affari”.    Ma questo gigantesco flusso di denaro dove finisce? Nessuno, nemmeno in Parlamento, ne ha cognizione. Ma la frase del senatore non può che far venire alla mente le tante inchieste che negli ultimi anni hanno coinvolto la sanità ad ogni latitudine: dall’inchiesta laziale su Lady Asl o sulle cliniche degli Angelucci, a quella che in Puglia punta alle protesi di Gianpi Tarantini o al senatore appena salvato da Palazzo Madama Alberto Tedesco, fino all’Abruzzo, al Piemonte, alla Lombardia e alla Ligura.

“VOI GIORNALISTI vi accorgete di queste cose solo quando ci sono le inchieste della magistratura, ma quelle rappresentano solo la punta di un iceberg gigantesco”, spiega Baldassarri prima di rappresentare un secondo paragone cruento: “Per ogni posto letto negli ospedali italiani si utilizzano ogni giorno nove siringhe. La media di degenza negli ospedali è di nove giorni. Dopo nove giorni uno dovrebbe avere 81 buchi di puntura. Le sembra realistico?”.    Questi miliardi di euro sono però sono una parte della “mandria” che continua a passare mentre si bacchettano i costumi (comunque non eccellenti) della politica. L’altra voce di spesa “invisibile” è costituita “dai trasferimenti in Conto Corrente ed in Conto Capitale” che lo Stato stanzia a pioggia e “a fondo perduto”. La torta, questa volta, ammonta per il 2010, (la fonte è il governo, attraverso la Relazione Unificata sull’Economia e la Finanza Pubblica) a 44 miliardi. Di questi 15 vengono trasferiti a Ferrovie, Anas e Trasporti pubblici locali. E gli altri 29? Mistero. Argomenta Baldassarri: assieme sono 53 miliardi di euro, più della manovra appena approvata.

di Eduardo Di Blasi, IFQ

20 luglio 2011

Tra missili e radar, la Sardegna dei segreti

Si scrive Sardegna, si potrebbe leggere “colonia”. Delle forze armate. Che si tratti di poligoni militari insediati nei luoghi tra i più suggestivi dell’isola, di radar da installare al servizio della sicurezza sulle colline con vista mare (ce ne sono in programma cinque) o, giusto per non farsi mancare niente, di navi passeggeri utilizzate per il trasporto “silenzioso” di missili e armi.

L’ULTIMO capitolo è proprio questo e, mentre i comitati spontanei di cittadini fanno sentire la propria voce di dissenso e sconcerto, organizzando manifestazioni a sostegno di magistrati come il procuratore di Lanusei Domenico Fiordalisi (che porta avanti l’indagine sul poligono interforze di Quirra) o eventi musicali (uno proprio ieri sera a Iglesias, che ha visto sul palco gruppi di musicisti emergenti, per quello che è stato chiamato il Festival No radar), arriva una notizia che ha l’effetto (è proprio il caso di dirlo) di una bomba.

Ovvero l’imposizione del segreto di Stato sulla vicenda delle armi confiscate e custodite nei bunker di Santo Stefano, nell’arcipelago della Maddalena. In particolare sulla destinazione finale di quel materiale ingombrante che doveva essere distrutto, invece a maggio è stato caricato sui container dell’Esercito italiano e spedito oltremare con i traghetti degli ignari passeggeri diretti a Civitavecchia. Trasfertisti e villeggianti che si sono goduti la traversata senza sapere dove, in realtà, stessero poggiando i piedi. Una vicenda che ha convinto la Procura di Tempio ad aprire un’inchiesta, ma l’attività dei magistrati si dovrà scontrare con il muro di gomma rappresentato dal segreto di Stato. Questione spinosa, di cui si era già occupato il senatore Giampiero Scanu (Pd), presentando un’interrogazione al presidente del Consiglio e al ministro della Difesa.

Scanu rilancia: “Il fatto che impongano il segreto di Stato legittima le nostre preoccupazioni, quindi sarebbe bene avere un chiarimento immediato. Di fatto ci troviamo di fronte ad una recrudescenza dell’implementazione delle attività di servitù, in contro tendenza rispetto a quanto il governo aveva dichiarato di voler fare dopo le nostre sollecitazioni. Una politica – conclude Scanu – impossibile da condividere. Il mio non è antimilitarismo, bensì anti-militarizzazione”. Il sospetto che aleggia con sempre maggiore forza è che le armi, confiscate dalla Nato nel 1994 e che avrebbero dovuto essere distrutte, abbiano preso la strada per la Libia. Maurizio Turco e Luca Marco Comellini, rispettivamente deputato radicale e segretario del Pdm (Partito per la tutela dei diritti di militari e delle forze di polizia), avevano già chiesto chiarimenti al ministro della Difesa.

IN PARTICOLARE per conoscere “dopo le ammissioni da parte della Francia sull’invio di armi ai ribelli libici, la tipologia di aiuti che fino ad oggi sono stati inviati agli stessi ribelli, nonché escludere l’invio di armamenti di qualsiasi natura anche alla luce del fatto che dalla metà dello scorso mese di mese aprile operano sul suolo libico 10 militari italiani con il compito di istruttore”. Per Turco e Comellini “c’è un problema e non riguarda la sicurezza nazionale, ma eventualmente un traffico di armi internazionale e la compromissione del Governo italiano che in tal caso avrebbe violato le risoluzioni dell’Onu e ancor prima la sua stessa Costituzione”.

di Cinzia Simbula IFQ

20 luglio 2011

San Raffaele, il cerchio si stringe

L’ospedale nella morsa tra inchiesta e creditori. E il Vaticano prende tempo.

L’unica cosa certa è che ormai non c’è più tempo. Le casse dell’ospedale San Raffaele sono quasi vuote. A questo punto sono a rischio gli stessi stipendi dei dipendenti e l’acquisto dei medicinali. I creditori incombono con decreti ingiuntivi per una somma che sfiora i 20 milioni, ma ci sono altre posizioni aperte che presto potrebbero sfociare in un contenzioso per almeno una cinquantina di milioni. Tra i fornitori che reclamano i pagamenti ci sono anche multinazionali come Ibm e Roche. E dopo il suicidio, lunedì, di Mario Cal, il braccio destro di don Luigi Verzé, le indagini della Procura di Milano hanno accelerato il passo. I magistrati, secondo indiscrezioni, stanno considerando anche l’ipotesi di avanzare un’istanza di fallimento. Ieri ufficiali del Nucleo tributario della Guardia di Finanza si sono confrontati con il procuratore aggiunto Francesco Greco e i pm Luigi Orsi e Laura Pedio sui documenti fin qua raccolti.

IL POSSIBILE affondo della Procura potrebbe essere evitato con la presentazione di una domanda di concordato preventivo. Ma su questo punto il Vaticano, che due settimane fa ha preso il comando del San Raffaele esautorando il fondatore don Verzé, preferisce prendere tempo. La proposta già pronta, elaborata dagli advisor della fondazione, è stata accantonata e il nuovo azionista di maggioranza, cioè la Santa Sede, sta studiando le carte. Con il ruolo di consulente potrebbe presto entrare in scena l’ex numero uno di Parmalat, Enrico Bondi, con l’avvocato Franco Gianni. In ambienti giudiziari si dice che il nuovo consiglio di amministrazione sarebbe pronto a presentare una nuova proposta di concordato intorno a metà della settimana prossima. Tra gli amministratori appena nominati ci sarebbero però visioni diverse su modi e tempi dell’intervento. In particolare Ettore Gotti Tedeschi, presidente dello Ior, la banca vaticana, sarebbe su posizioni di estrema prudenza. A spingere invece per una soluzione rapida è il cardinale segretario di Stato Tarcisio Bertone, che ha inviato al San Raffaele un suo uomo di fiducia come Giuseppe Profiti, numero uno dell’ospedale romano Bambin Gesù, di proprietà vaticana. Di sicuro una soluzione va però trovata in fetta. Per rimettere in linea di galleggiamento la gestione del San Raffaele, oppresso da oltre un miliardo di debiti sono necessari da subito almeno 250 milioni di euro.    La situazione potrebbe complicarsi ancora se nel frattempo i magistrati, esaminando la documentazione contabile, dovessero ravvisare reati finanziari. L’unico “fascicolo penale” certo, al momento, è quello aperto dal pm Mario Ascione per la morte di Cal. L’ipotesi su cui lavora il magistrato, “istigazione al suicidio” (per ora contro ignoti) non è stata solo una scelta tecnica per poter disporre l’autopsia, che sarà eseguita questa mattina alle 8.30. Il magistrato vuole capire quanto abbia pesato il dissesto finanziario del San Raffaele sulle condizioni psicologiche del manager, se abbia subito forti pressioni, se ci sia “ un ponte”, “un link” tra il gesto estremo di Cal e le lunghe settimane in cui venne discusso il salvataggio dell’ospedale. Un periodo segnato da scontri tra banche, consulenti, manager coinvolti nella vicenda. Fino a quando finì per tramontare l’ipotesi di un intervento del gruppo ospedaliero di Giuseppe Rotelli ed ebbe la meglio il Vaticano.

ASCIONE ha intenzione di ascoltare diverse persone, e non è escluso che anche a don Verzé tocchi testimoniare. Verrà riascoltato il responsabile della sicurezza al San Raffaele, Vitantonio Cirillo. È lui che ha trovato agonizzante Cal nel suo ufficio. E lunedì notte, al pm ha raccontato quei minuti drammatici: “Voglio ribadire che il nostro rapporto era molto consolidato. Tenevo a lui più che a mio padre. Sono intervenuto nell’immediatezza del fatto per prestare soccorso. Quando sono entrato nell’ufficio ho visto le segretarie bloccate, non facevano niente”. A quel punto ha dato un calcio alla pistola “e ho cercato di rianimarlo (…)”.    Ricordo che Cal indossava camicia e giacca ma senza cravatta. Tuttavia non mi è sembrato strano, già altre volte si era presentato senza”. Poi, a verbale, Cirillo racconta gli ultimi giorni del manager e le sue preoccupazioni: “Circa sette, dieci giorni fa mi ha confidato che per far fronte alla grave esposizione (del San Raffaele, ndr) avrebbe preferito chiedere sostegno al gruppo di Rotelli, ma don Verzé preferiva il Vaticano perché Rotelli avrebbe determinato maggiori tagli al personale e quindi si sarebbe trattato di una cordata più invisa alla struttura e ai sanitari”. Sull’ipotesi dell’ingresso del Vaticano nel consiglio del San Raffaele, Cirillo risponde: “L’ipotesi di intervento della Chiesa, per quanto a mia conoscenza, si è materializzata solo giovedì scorso”.    Il manager, stando al racconto del capo dei vigilantes, era comprensibilmente turbato: “Negli ultimi 15-20 giorni ho visto Cal più spento, taciturno. Parcheggiava sotto una grossa pianta, in un posto diverso da quello a lui riservato e faceva i sotterranei per entrare da un ingresso diverso. Negli ultimi tempi leggendo i quotidiani apprendevo degli attacchi a Cal e al suo modo di condurre l’ospedale”. Cirillo racconta al pm di esserci rimasto molto male perché sicuro dell’onestà del manager. Cal stesso era rimasto molto colpito. “Io cercavo di scuoterlo e lui rispondeva che per certi attacchi non si può fare nulla”.

di Vittorio Malagutti e Antonella Mascali, IFQ

(FOTO EMBLEMA)

7 luglio 2011

Viaggio a Giugliano, dove la terra accoglie i rifiuti settentrionali

“Guarda ‘sti sacchi: è amianto”. Salvatore Napolano, attivista di Legambiente, ci accompagna nel giro all’inferno. Siamo a Giugliano, terza città della Campania. Qui una volta le terre erano fertilissime e il paesaggio agrario di vigne, pescheti, frutteti e campi pieni di verdure, era un pezzo di quel paradiso che non c’è più e che chiamavano Campania Felix. Camorra, politici da rapina, industriali del Nord hanno ridotto Giugliano e i suoi dintorni in “Monnezza City”. Una discarica di veleni clandestini e ufficiali a cielo aperto. Terre stuprate, uomini, donne e bambini avvelenati. Ieri come oggi. Così è da almeno vent’anni.    Salvatore si mette le mani nei capelli, scende dalla macchina e ci trascina a vedere da vicino quei sacchi gonfi di morte. “Attenzione pericolo”, c’è scritto, “contiene amianto”. Quattro-cinque sacchi lacerati dalle “zoccole” e dai cani randagi, buttati a terra nella strada sterrata e stretta di via Carrafiello, a ridosso di frutteti dove lavorano ignari o rassegnati contadini , a poche centinaia di metri dalla strada asfaltata dove (e siamo in pieno giorno) si fermano a vendere il loro corpo giovani prostitute balcaniche. Forse i parlamentari della Commissione d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti, in questi giorni in visita in Campania, farebbero bene a lasciare le comode e rinfrescate stanze della Prefettura di Napoli per recarsi qui. Capirebbero molte cose dell’eterna emergenza monnezza in Campania, capirebbero dove abitano le responsabilità vere del più grande disastro ambientale d’Europa, si renderebbero conto che i no della Lega, gli egoismi dei governatori delle regioni del Nord, non sono solo propaganda di basso livello e folklore secessionista, ma qualcosa di ben più grave e pericoloso.

COMPLICITÀ, possiamo chiamarla, complicità ideologica col sistema industriale e produttivo dell’Italia che tira con la peggiore camorra. Al Nord producevano, qui sversavano i loro veleni. Sentite cosa ha detto ai magistrati Gaetano Vassallo, grande imprenditore dei rifiuti in nome e per conto del clan dei casalesi. “Una volta colmate le discariche i rifiuti venivano interrati ovunque. Ci veniva chiesto di concedere l’uso dei nostri timbri (le autorizzazioni legali concesse ai gestori di discariche, ndr) in modo da coprire e giustificare lo smaltimento di produttori di rifiuti del Nord Italia”. Erano veleni, vernici speciali il cui smaltimento legale e non dannoso sarebbe costato cifre enormi. Con la camorra, invece, prezzi da realizzo. I rifiuti speciali di una azienda di coloranti di Savona, racconta Vassallo, “li portammo nella mia discarica per circa 6 mila quintali”. Anche i veleni vomitati dall’Acna di Cengio, i residui della lavorazione dell’industria della concia toscana, quelli delle industrie casearie della Campania, tutto è stato interrato qui, in queste terre.    La camorra guadagnava oro: “Duecentomila tonnellate di sostanze tossiche – fa mettere a verbale l’imprenditore della monnezza – ci furono pagate a 10 lire al chilo”.    I sacchi di amianto sono a pochi passi da noi, intorno la terra ha un colore grigiastro, anche l’aria e il sole sembrano malati. E il ricordo va a una delle confessioni più inquietanti del pentito Vassallo, che davanti ai magistrati dell’antimafia napoletana tratteggia uno scenario da incubo. “I rifiuti della Mb (una fabbrica del Nord, ndr), arrivavano qui in speciali cisterne di acciaio inox anticorrosivo”. Ma quando il liquido veniva sversato nei fossi scavati alla meno peggio e senza alcun sistema di impermeabilizzazione, gli spazzini della camorra, anche loro, rimanevano a bocca aperta. “Perché quella roba friggeva, era così potente che squagliava anche le bottiglie di plastica che c’erano nel terreno”.

GIUGLIANO, 40 discariche tra abusive e ufficiali, 15 concentrate in soli 5 km quadri, il più grande impianto Stir (trito-vagliatura della monnezza, ndr) dei sette presenti in Campania. Terra di veleni. E di morte. Qualche anno fa una quindicina di esperti (ricercatori Enea, Istituto superiore sanità, Cnr Pisa, Arpa Campania, Università di Napoli e Legambiente), hanno attentamente studiato l’area e le conseguenze provocate sulla popolazione di Giugliano, Villaricca e Qualiano (150 mila abitanti), dalla presenza di discariche. “La mortalità per tumore è risultata significativamente accresciuta con riferimento ai tumori maligni di polmone, pleura, laringe, vescica, fegato e encefalo”. Questa è la drammatica sintesi finale. Ma i rifiuti sono denaro anche per le grandi imprese. Taverna del Re, nome che evoca passati gloriosi, spettacolo allucinante. Qui ci sono le Piramidi della monnezza, 4 milioni di “ecoballe” accatastate in questi depositi all’aperto. Sono il monumento al fallimento della politica dei Commissariati straordinari dal 1998 ad oggi.    Montagne di schifo imballato che sono servite alla Fibe-Impregilo per chiedere crediti alle banche, spacciate come combustibile da incenerire nel termovalorizzatori, in parte sequestrate dalla magistratura, in parte messe lì, in attesa di non si sa cosa. Per tutto questo, per questa trasformazione della città in enorme deposito di monnezza, Giugliano doveva essere risarcita. Cinquanta milioni di euro per la bonifica del territorio e delle discariche della camorra, più una serie di misure compensative per la presenza di discariche ufficiali e di impianti. Promesse al vento. Mentre percorriamo la strada del ritorno, a Giugliano ci sono a terra 1500 tonnellate di monnezza, anche qui è emergenza. Le strade che portano a Varcaturo, Licola e Lago Patria, sono una enorme discarica. Perché qui la camorra della monnezza non la ferma nessuno. Continua a stuprare queste terre una volta bellissime.

di Enrico Fierro, IFQ

Una montagna di rifiuti (poi data alle fiamme) davanti alla stazione di Giugliano, nel giugno scorso

15 giugno 2011

Amianto, una strage consapevole

Battute finali del processo Eternit a Torino, Guariniello: “Dolo evidente”.

“L’Eternit ha causato un vero e proprio disastro, che prosegue ancora oggi per consapevole, deliberata volontà dei suoi proprietari”. Inizia così la requisitoria del procuratore aggiunto Raffaele Guariniello e le sue parole risuonano nella stessa aula 1 del Palazzo di Giustizia di Torino dove soltanto due mesi fa è stata letta la sentenza della strage alla ThyssenKrupp; una sentenza che è già passata alla storia, perché per la prima volta un “incidente” sul lavoro è stato giudicato omicidio volontario. La sentenza Eternit potrebbe essere – per quanto una graduatoria d’importanza, va da sé, sia impossibile – ancora più significativa. Per un motivo molto semplice, i numeri: il capo d’accusa elenca complessivamente 2191 morti (1649 soltanto a Casale Monferrato, in provincia di Alessandria) e circa 6300 parti civili.

I DUE IMPUTATI, il miliardario svizzero Stephan Schmidheiny e il quasi novantenne barone belga Jean Louis De Marchienne, devono rispondere di omissione dolosa di cautele antinfortunistiche e disastro doloso. Ancora una volta, come nel caso ThyssenKrupp, il pool di Raffaele Guariniello contesta il dolo. I due, in qualità di presidente e amministratore delegato della multinazionale svizzera dell’amianto, avrebbero deliberatamente omesso di adottare misure necessarie per tutelare la salute dei lavoratori, nonostante la pericolosità dell’amianto – come i pubblici ministeri hanno tentato di dimostrare – fosse nota alla comunità scientifica fin dalla fine del XIX secolo. Ma a morire di asbestosi e mesotelioma pleurico non sono stati soltanto i lavoratori dell’Eternit. A Casale Monferrato (e non solo) si sono ammalate persone che in fabbrica non avevano mai messo piede, perché l’amianto intorno agli stabilimenti era dappertutto.

“NON ABBIAMO contestato il dolo per la gravità delle conseguenze – ha detto ieri Guariniello – né per l’intesa commozione suscitata ovunque non solo in Italia, né per dare una risposta alle richieste di giustizia avanzate non solo dalle famiglie delle vittime. Il dolo, la contestazione del dolo, non è il frutto di una scelta emotiva e men che meno il frutto di una scelta filosofica. È il frutto di un’analisi meditata. Nell’immediatezza dei fatti, noi abbiamo iscritto nel registro delle notizie di reato soltanto reati colposi, primo fra tutti l’omicidio colposo. Nell’immediatezza dei fatti, mai per un attimo avevamo pensato di contestare il dolo. Sono state le indagini a imporcelo. E aggiungo, sono state proprio le risultanze dibattimentali a rendere per noi palmare la sussistenza del dolo”.    Ai pubblici ministeri Gianfranco Colace e Sara Panelli, ora, il difficile compito di convincere la Corte. Stephan Schmidheiny, ex amministratore delegato di Eternit, non è un imputato qualunque: è uno degli uomini più ricchi del mondo (Forbes lo piazza al 354esimo posto), si è reiventato filantropo paladino dello sviluppo sostenibile e può disporre di una batteria di decine di avvocati. Non era scontato il rinvio a giudizio, non lo è la condanna, per quanto Guariniello non abbia dubbi che le responsabilità siano da cercare ai vertici e non – come sempre accaduto in tutti gli altri processi per morti d’amianto – tra i pesci piccoli.

“NON SIAMO in presenza – ha detto il procuratore aggiunto – di carenze occasionali o meramente operative. Siamo in presenza invece di carenza strutturali, addebitabili a una politica mondiale, a scelte aziendali di fondo, a scelte di carattere generale della politica aziendale, rispetto alle quali nessuna capacità di intervento possa realisticamente attribuirsi ai dirigenti italiani degli stabilimenti Eternit del nostro Paese”.    Comunque vada (la sentenza potrebbe arrivare entro l’estate) è già pronto un Eternit-bis. Perché a Casale Monferrato, dove la percentuale di mortalità per mesotelioma pleurico è 40 volte superiore al resto del Piemonte, si continua a morire.

di Stefano Caselli, IFQ

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: