Archive for settembre, 2014

16 settembre 2014

Ben & Jerry’s Signs Employers’ Amicus Brief In Support Of Gay Marriage

BEN JERRYS GAY MARRIAGE

Ben & Jerry’s is making a bold new stand in defense of same-sex marriage.

The Vermont-based ice cream giant has signed an Employers’ Amicus Brief urging the U.S. Supreme Court to review pending marriage equality ban cases in Utah, Oklahoma and Virginia.

Company representatives confirmed the news in a lengthy post on the official Ben & Jerry’s website, jokingly calling the brief “fancy lawyer speak for a formal legal petition asking the Supreme Court to review these latest circuit court rulings.”

“Often, it’s not enough to change the way you do business, or change the practice within your business,” Chris Miller, Ben & Jerry’s Social Mission Activism Manager, said in the post. “Unless you’re willing to stand up and advocate for the rights of others, not just here in our backyard but around the world, it’s often just not good enough.”

Miller went on to note, “This is not just a concern of the gay rights community. There is a broad base of support for a single standard across all 50 states that recognize same sex marriage.”

The company confirmed the news on Twitter:

View image on Twitter

Meanwhile, officials took part in Vermont’s Pride parade on Sept. 14:

View image on Twitter

Other corporations to sign the brief reportedly include Amazon, Target and Viacom. You can read the full post on the Ben & Jerry’s website here.

It isn’t the first time that Ben & Jerry’s has spoken up on behalf of same-sex marriage and other lesbian, gay, bisexual and transgender (LGBT) related issues. In 2011, company founders Ben Cohen and Jerry Greenfield joined the Human Rights Campaign’s “NYers for Marriage Equality” effort.

Meanwhile, the company has also released special pro-marriage equality flavors, like “Hubby Hubby” in the U.S. and “I Dough, I Dough” in Australia.

 | By
Annunci
16 settembre 2014

Per la ripresa non ci sono scorciatoie

scorciatoiaGiavazzi e Tabellini propongono un taglio alle tasse di 80 miliardi, finanziato dalla Bce e accompagnato da una riduzione della spesa futura. Ma nessun paese ha mai prodotto un piano credibile di riduzione di spesa così enorme. L’unica alternativa realistica: ridurre le tasse insieme alla spesa.

È sempre più comune l’opinione secondo cui “l’austerità non ha funzionato”: l’Europa è sul baratro della deflazione, e soffre di un deficit di domanda. Una recente proposta su lavoce.info di Francesco Giavazzi e Guido Tabellini offre una soluzione che è ampiamente condivisa: i paesi dell’Eurozona dovrebbero tagliare le tasse simultaneamente del 5 percento del Pil, e la Bce dovrebbe comprare il debito pubblico risultante. Allo stesso tempo, questi paesi dovrebbero  presentare dei piani credibili per la riduzione della spesa pubblica futura.

Come notano Giavazzi e Tabellini, la Germania quasi certamente si opporrebbe. Ma anche non lo facesse, il piano non funzionerebbe. Il motivo non è che le politiche restrittive di bilancio (l’opposto del tax cut) siano espansive: come ho mostrato in una mia recente ricerca(1)  (e contrariamente alle implicazioni di mie ricerche meno recenti), l’evidenza empirica in supporto dell’ “austerità espansiva” è debole. 

UN PIANO CREDIBILE DI RIDUZIONE DELLA SPESA FUTURA È NECESSARIO …….

Dove è il problema quindi? Molti commentatori sono d’accordo che parecchie economie europee, come l’Italia o la Francia, hanno bisogno di ridurre permanentemente le tasse. Il vincolo di bilancio intertemporale dello stato ci dice che questo può essere ottenuto soloriducendo la spesa pubblica permanentemente. Un taglio delle tasse del 5 percento può essere interpretato come un modo di anticipare i benefici del taglio permanente delle tasse, mentre si attende che i tagli di spesa si materializzino. Perché questo funzioni, è necessario appunto un piano credibile di riduzione della spesa in futuro.

Perché? Nel mondo reale, il debito pubblico è rischioso, e ai mercati non piace che esso cresca, soprattutto in paesi con un alto livello di spesa e debito pubblici. Senza un piano credibile di riduzione della spesa in futuro, di fronte a un taglio delle tasse gigantesco come quello proposto da Giavazzi e Tabellini i mercati finanziari sarebbero presi dal panico, perché vedrebbero un ritorno alle politiche di bilancio irresponsabili  del passato; questo avrebbe effetti devastanti sul settore bancario, ancora molto esposto al debito sovrano, come nel 2011. Il tentativo di espandere la domanda aggregata attraverso un taglio delle tasse  si trasformerebbe in un boomerang.

…… MA NON FATTIBILE

Il problema di fondo è che è praticamente impossibile produrre un piano credibile di riduzione della spesa futura, tantomeno per l’importo enorme che un taglio delle tasse del 5 percento comporterebbe. L’esempio più chiaro è offerto dai due piani di consolidamento fiscali più celebri, la Finlandia e la Svezia negli anni novanta. Tra il 1992 e il 1996, secondo gli annunci ufficiali la Finlandia avrebbe dovuto ridurre il disavanzo dell’11,4 percento del Pil, di cui 12,1 percento del Pil in tagli alla spesa; gli stessi numeri per la Svezia erano del 10,6 e del 6,8 percento del Pil, rispettivamente. Tuttavia, questi erano gli annunci; la realtà fu molto differente. Alla fine di quel quinquennio, la Finlandia ridusse la spesa pubblica di solo lo 0,4 percento del Pil (contro previsioni  di un taglio del 12,1 percento!), la Svezia del 3,6 percento.

Ma non è necessario andare indietro così tanto. Un taglio delle tasse del 5 percento del Pil in Italia significa 80 miliardi di euro. I tagli di spesa individuati in un anno di duro lavoro dal commissario Cottarelli sono al più di 12-15 miliardi, e presumibilmente non tutti verranno approvati dal governo.

Il problema è ancora più complicato perché la promessa di monetizzazione del taglio alle tasse della proposta di Giavazzi e Tabellini crea un insormontabile problema di azzardo morale. Per coloro che pensano che questo sia solo un problema di interesse teorico, è utile ricordare che la crisi del debito pubblico in Italia iniziò nell’estate del 2011, quando il governo italiano, dopo aver annunciato un taglio di spesa di circa 3 miliardi di euro (lo 0,2 percento del Pil) ritrattò immediatamente dopo che la Bce iniziò a comprare titoli di stato italiani.

Si potrebbe pensare che, se le cose non dovessero andare come ci si aspetta, si possono sempre ritirare i tagli alle tasse. Ma un paese come l’Italia non ha mai sperimentato un taglio discrezionale alle tasse di più del 0,5 percento del Pil. Un taglio e poi un aumento di tasse di una cifra come 80 miliardi di euro, creerebbero un disastro politico, ed enorme incertezza economica.

NON TUTTI I DISAVANZI SONO UGUALI

Non tutti i disavanzi di bilancio sono uguali. Una cosa è un disavanzo temporaneo per ricapitalizzare il sistema bancario in un paese con basso debito e con una storia di politiche fiscali responsabili, come in Gran Bretagna dopo la crisi finanziaria. Un’altra cosa è un disavanzo di bilancio senza un piano credibile per ridurre le spese future, in un paese ad alto debito pubblico, con una storia di politiche di bilancio irresponsabili e con governi tradizionalmente deboli.

Per un tale paese, l’unica alternativa possibile per raggiungere lo scopo più importante – ridurre le tasse – è di tagliare le tasse insieme alla spesa. Questo processo richiede tempo, efunzionerà incrementalmente, miliardo di risparmi di spesa dopo miliardo. Ma è l’unico approccio realistico. L’alternativa non raggiungerebbe il proposito di aumentare la domanda.

di Roberto Perotti – Lavoce.info

(1) Si veda R. Perotti, (2012): The “Austerity Myth”: Gain without Pain?, in A. Alesina and F. Giavazzi, eds.: Fiscal Policy after the Financial Crisis, pp. 307-354,  National Bureau of Economic Research, scaricabile anche qui

Roberto Perotti

16 settembre 2014

L’espressione che piace agli autistici

ExprGli autistici sono in grado associare stati mentali alle espressioni facciali che osservano, purché queste non siano statiche e neutre.

I bambini autistici sono stati a lungo considerati come affetti dalla difficoltà di interpretare gli stati mentali delle altre persone sulla base delle espressioni facciali, e in particolar modo delle espressioni che coinvolgono principalmente l’area intorno agli occhi. Secondo alcuni ricercatori proprio questa difficoltà sarebbe al centro di molti dei problemi sociali con cui si trovano a confrontarsi. Ora uno studio condotto da ricercatori dell’ Università di Nottingham e pubblicato sull’ultimo numero diChild Development – organo della Society for Research in Child Development – mostra invece che i bambini autistici sono in grado di interpretare gli stati mentali quando stanno osservando un’espressione facciale animata.

Nel loro esperimento i ricercatori hanno mostrato ai loro soggetti immagini dinamiche in cui diverse parti del viso, come gli occhi o la bocca, potevano venire però “congelate”, in modo da restare statiche e neutre. In una prima prova, diciotto bambini e ragazzi autistici sono stati in grado di attribuire un certo spettro di stati mentali alle immagini osservate, ma con minore efficienza rispetto ai soggetti normali, e con migliori esiti quando occhi e bocca non erano “congelati” e neutri. Contro le aspettative, in un secondo test, in cui venivano mostrati soltanto gli occhi, isolandoli dal resto del viso, i bambini autistici riuscivano peraltro a uguagliare le prestazioni dei soggetti normali.

“Sorprendentemente, i bambini autistici sembrano particolarmente sensibili agli occhi, e anche alla bocca”, ha detto la direttrice della ricerca Elisa Back, ora all’Università di Birmingham.

“Le conclusioni dei precedenti studi erano ampiamente basate sulla presentazione di fotografie, cioè di immagini statiche. Il nostro studio indica che una più accurata misurazione delle capacità delle persone con autismo

può essere ottenuta con sofisticate tecniche di animazione digitale che movimentano le espressioni facciali.”

Le Scienze – Edizione italiana di Scientific American

Expr1

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: