Il nuovo vecchio Fabio

Domenica sera, per la prima volta nella vita, Fabio Fazio mi ha fatto tenerezza. L’ho visto invecchiato, d’improvviso, anzi, di colpo. Stava lì, nel suo studiolo di “Che tempo che fa” (Rai3), stava lì di profilo a scrutare l’ospite, un po’ provato. Sappiamo, invecchiare, in molti casi, significa mostrarsi più umani, meno convinti, e devo dire che nell’esatto momento in cui ho avuto modo di intuire sul suo volto le rughe, e perfino un certo grugno bruegheliano da creatura definitivamente adulta, ho provato un senso di soddisfazione. Per lui, solo per lui. Insomma, mi è sembrato che il nostro “buttadentro” nella stanza dei luoghi comuni culturali di sinistra avesse finalmente detto a se stesso un bel “mo’ basta”. Intendiamoci, si tratta di sfumature, eppure è bastato nulla, l’increspatura lieve fra naso e guancia, per comprendere che ci troviamo a un punto di svolta. Da qui a poco la retorica “civile” che Fazio ha propalato insieme ai suoi ospiti speciali, anime belle garantite fra molto altro dagli uffici stampa editoriali, dovrà lasciare il posto al disincanto, all’abbiamo già dato. (E anche ottenuto, perfino economicamente parlando). Non è però ancora tutto. Poco dopo, volati via i convenevoli d’inizio (insieme all’ormai intollerabile stacco sonoro rubato a De André), Filippa Lageback, l’oggetto più misterioso della seconda repubblica televisiva, ha introdotto appunto l’ospite, Corrado Passera.    Non è proprio necessario conoscerlo, e tuttavia, per amor di completezza, diremo che si tratta di un banchiere-manager divenuto ministro dello Sviluppo Economico e delle Infrastrutture e Trasporti del governo da poche settimane in carica. Uno dei nuovi padroni della cosa pubblica, insomma.    Adesso, i più implacabili immagineranno un conduttore prono, al meglio del suo animo “doroteo”, elegantemente timoroso di sembrare troppo esigente dal punto di vista della completezza giornalistica, perché come ha ben insegnato Walter Veltroni a un’intera generazione di ambiziosi di sinistra, l’ipocrisia con prenotazione obbligatoria, sebbene sia un delitto sanzionato perfino nelle Sacre Scritture, paga più della soddisfazione di non tenere conto del quinto comandamento, cioè non uccidere. Tu mi credi se aggiungo che quando ho visto Fabio incalzare Corrado sulla questione della vendita delle frequenze televisive mi sono cacato sotto al posto suo? Sulle prime il ministro ha cercato di svicolare, e allora Fazio gli è andato addosso con la stessa tenacia dei bull-terrier, a pretendere una parola netta, dirimente. Al punto da ottenere una risposta verosimilmente netta: “Di fronte ai sacrifici chiesti agli italiani, pensare che un bene di Stato possa esser dato gratuitamente non è tollerabile e, verosimilmente, non lo tollereremo”. A quel punto il conduttore, eroico, ha chiesto se c’è da ipotizzare un’asta, e quell’altro: “Può essere una cosa un po’ diversa, dobbiamo trovare nuovi modi”.    Fossi nei panni di Fazio mi farei dono di questo finale di carriera. Un ultimo fotogramma all’insegna del riscatto, quasi come l’Alberto Sordi di “Una vita difficile”, un ultimo schiaffo al principale, e via verso il paese di Dignità. Sai che soddisfazione?

di Fulvio Abbate, IFQ

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: