“Vuole la ricevuta?” Un giorno di ordinaria evasione

Evasione-tour. Dovrebbe farlo ogni contribuente. Ci si potrebbero portare le scolaresche. Un’avvertenza: portatevi un fiasco di Maalox, contro l’ulcera. E procuratevi una “guida”, un commercialista con dati alla mano: “Nel 2008 sono stati evasi 250 miliardi, il 16% del pil. Otto volte la manovra Monti. Ci batte solo la Grecia”.

Uscite di casa e vi trovate davanti il primo esemplare: il professionista con suv – in leasing e intestato a una società – da 60mila e fischia euro che sfreccia vomitando 300 grammi di Co2 a chilometro. Ma non denunciava come un maestro? La vostra guida intanto infierisce, vi ricorda che ogni anno si vendono 206 mila auto di lusso da 100mila euro. Mentre solo 72mila contribuenti dichiarano oltre 200 mila euro.

Inutile rovinarsi la salute, anzi, facciamo un check-up. Il cardiologo è abbronzato, tra un elettrocardiogramma e l’altro racconta quanto era farinosa la neve in Svizzera. Durata cronometrata della visita: 16 minuti. Conto? Qui va in scena un numero da Totò: “Sono cento…”, sospiro, “vuole la ricevuta?”. Sì. Riprende fiato: “Centosessanta”. Roba da tachicardia, se non fosse che rischi un’altra parcella.    Esci per strada. Il centro di Genova è illuminato, la città cerca di esorcizzare la crisi che strozza i cantieri. Decidi di concederti un regalo per la moglie. Premi il naso contro la vetrina di una gioielleria: l’anellino per le tue tasche starebbe al dito di Barbie. Ma il commercialista ti tira per una manica: “I gioiellieri dichiarano mediamente 16mila euro l’anno”. Provi quasi pena, compreresti un diamante per aiutarli. La guida ti richiama: “Non generalizzare, non puoi dare dell’evasore a tutti i gioiellieri”.

MA TI È passata la voglia. Puntiamo sul regalo utile. Qualcosa per la casa, sì, c’è bisogno di lavori. Andiamo da un artigiano, costerà poco, le dichiarazioni dei redditi navigano intorno ai 20mi-la euro. Lordi. Poco più di mille al mese. Invece al primo preventivo cambi programma: una persiana vale un mutuo, il rubinetto è d’oro.    Basta, affoghiamo lo sconforto in un bignè, aiutiamo un’altra categoria che non arriva ai 20mila euro. Eh no, poi ti sale il colesterolo e devi tornare dal cardiologo. Vabbé, uno spuntino al bar. Il conto? Il cameriere ti passa lo scontrino del cliente precedente: uno basta per cinque tavoli. Il commercialista continua il rosario: “Prendi certi avvocati penalisti, li pagano con denaro che magari proviene da un reato, truffa e prostituzione. Come fanno a non evadere?”. Intanto scopri che nell’Italia dell’euro è tornato di moda il baratto: “Ho visto avvocati che si fanno pagare con ricariche telefoniche. Un penalista che difendeva un dentista si è fatto saldare con due otturazioni”.    Ogni bene ha il lato “nero”. La casa? Si evade su tutto: costruzione, vendita, affitto. La colf? In nero. Perfino i cavalli: “Se dichiari il costo reale ti sgamano”.    Pietà! Avresti bisogno di uno psicologo. “Poi dimmi se ti dà la fattura…”, ti stronca l’esperto. Denunciarli? “Le pene sono irrisorie e poi nessuno si ribella a chi lo cura”. Ritempriamoci con lo sport: “I centri benessere dichiarano perdite medie di 3.200 euro e gli impianti sportivi 1.300”. Una discoteca? “Dichiarano 6mi-la euro l’anno di perdite”.    Andiamo in riva al mare. Il tramonto, almeno, è uguale per tutti. Eccoci alla Marina dell’aeroporto di Genova: 6 yacht su 10 battono bandiera dei paradisi fiscali. Mostri fino a 60 metri, magari intestati a società di noleggio: un’evasione da un miliardo l’anno, così non si pagano tasse sul carburante e mille altre cose. A ogni pieno risparmiano 50mila euro. Più del valore della barca di Attilio, ormeggiata cento metri più in là. L’ha comprata con i risparmi di una vita: dieci metri e mezzo, è vecchia di 35 anni, costa come una Panda. Grazie alle nuove tasse contro i “ricchi” pagherà 200 euro al mese. Attilio allarga le braccia: “C’è già la sberla sulla pensione. Venderò la barca”.

ULTIMA tappa: il pronto soccorso del San Martino. I poveri medici affrontano una fila interminabile, mentre la sirena dell’ambulanza annuncia un’emergenza. Ecco Ifriom, operaio senegalese in regola. È in coda, ma c’è chi gli lancia occhiatacce: “Dobbiamo curarli con i nostri soldi”. Eh no, Ifriom paga le tasse. All’evasore invece le cure le pagano gli altri. Diceva Tommaso Padoa Schioppa: “Non è il Governo che mette le mani nelle tasche dei cittadini. Sono gli evasori ad aver messo le mani nelle tasche dello Stato e dei cittadini onesti”.

di Ferruccio Sansa, IFQ

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: