Irisbus, arrivano i licenziamenti

I molisani si sono ritirati. Ora arrivano i cinesi. Ma la realtà sono le lettere di licenziamento collettivo arrivate agli operai dello stabilimento Irisbus in provincia di Avellino. La Fiat vuole dismettere la produzione di pullman e non pare disposta a cambiare idea. Oltre 700 operai impiegati nello stabilimento di Flumeri, una fabbrica nata come Iveco-Fiat, l’unica del gruppo a produrre mezzi di trasporto pubblici, un migliaio se si contano anche i lavoratori dell’indotto. Domani a Grottaminarda, il comune più grande dell’area, gli operai scenderanno in piazza assieme agli studenti per rivendicare il diritto al lavoro. E al futuro in una regione, la Campania, ormai classificata come la realtà più povera d’Italia, dove nell’ultimo anno gli operai dell’industria sono calati del 6,5 per cento e si sono persi 27.900 posti di lavoro. L’Iribus per l’Irpinia è una sorta di ultima frontiera in una realtà falcidiata dalla crisi e dall’abbandono delle aree più interne con lo spopolamento di interi paesi e l’indebolimento del già fragile apparato produttivo. Gli operai hanno scritto una lettera aperta ai parlamentari campani. “Da novanta giorni – si legge – stiamo conducendo una battaglia dignitosa e forte contro il colosso Fiat che ha deciso di dismettere la produzione di autobus in Valle Ufita. Questo dramma economico e sociale in parte proviene dall’arroganza e dalla spregiudicatezza di un imprenditore ormai non più italiano (Fiat), ma certamente è stato causato dal lassismo dei sindacati e da una politica improvvisata e antimeridionalista. In questi 90 giorni di sciopero a oltranza abbiamo riposto la nostra fiducia in una classe dirigente che è arrivata in ritardo sul problema, nonostante questo ancora alte sono le nostre aspettative”. Gli operai hanno ancora fiducia, ma avvertono: “Dopo l’avvio delle procedure di licenziamento collettivo da parte di Fiat, è finito il tempo dei comunicati stampa, delle passerelle e dei monologhi parlamentari”. Per questa ragione, i lavoratori hanno preparato un emendamento sul finanziamento del Piano nazionale trasporti che affideranno ai parlamentari eletti in Campania e che presenteranno lunedì prossimo in una assemblea al salone della Provincia di Avellino.

di E.F, IFQ

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: