Palma alla giustizia, Previti brinda

Magistrato in aspettativa, amico dell’avvocato condannato, prende il posto di Alfano. Napolitano firma nel silenzio delle opposizioni. La Bernini nominata alle Politiche comunitarie.

Il capo dello Stato, ieri pomeriggio, ha detto sì al nuovo Guardasigilli amico dell’avvocato corruttore Cesare Previti, già ministro e deputato berlusconiano. Il successore di Angelino Alfano si chiama Francesco Nitto Palma ed è pure un magistrato in aspettativa, a dieci anni dalla sua prima elezione in Parlamento, nel 2001. Ennesima conferma che le norme punitive che B. vorrebbe per i “magistrati brigatisti e comunisti” in politica non valgono per i pm considerati amici. A tutt’oggi i giudici dimessisi per un seggio parlamentare sono solamente tre: Luciano Violante, Antonio Di Pietro, Luigi De Magistris.

LA “TOGA AZZURRA”

Nitto Palma, attuale sottosegretario all’Interno, è quindi “la figura di alto profilo” chiesta dal Colle per occupare il posto lasciato libero da Alfano, eletto segretario del Pdl. La quarantenne Anna Maria Bernini, ex finiana oggi fedelissima del Cavaliere, si è invece accontentata delle Politiche comunitarie, la poltrona che fu di Andrea Ronchi. La Bernini (suo padre Giorgio, giurista di Bologna, è stato ministro nel primo governo Berlusconi nel 1994) è stata infatti bocciata qualche settimana fa per la Giustizia. “Giovane e inesperta” secondo la moral suasion del Quirinale (che nel 2008 fece le stesse osservazioni anche per Alfa-no, che però passò lo stesso). Con Palma in via Arenula, si realizza per la prima volta in 17 anni il sogno dei falchi ultrà del berlusconismo: la previtizzazione della Giustizia. Non è un caso se Palma, nel 1994, entrò nello staff giuridico dell’allora Guardasigilli Alfredo Biondi, passato alla storia per il decreto salva-ladri. Su Palma, si è rimangiata la parola anche la Lega, tanto per cambiare. All’inizio della settimana, l’ultimatum chiaro di Roberto Calderoli: “Vogliamo un ministro che non parli con gli avvocati del premier”. Ieri, il capogruppo leghista alla Camera Marco Reguzzoni ha salutato la promozione di Palma come “una nomina di alto profilo”. Fa nulla se poi il disco verde all’investitura è venuto da un decisivo colloquio a tre tra il premier, Alfano e Niccolò Ghedini, legale di B. e ideatore di gran parte delle leggi ad personam.    Da magistrato, Palma si è guadagnato la nomea di “insabbiatore” per il caso Gladio (era alla procura di Roma) e ancora prima si è occupato del maxi-processo alle Brigate Rosse, che definì “banda criminale non organizzazione politica”. In questi giorni è stato scritto anche del suo rapporto con Luca Palamara, presidente dell’Anm: il neoministro è stato suo testimone di nozze. Ieri, Palamara ha evitato domande su questo tema e si è limitato a dire: “Con il nuovo ministro ci relazioneremo dal punto di vista istituzionale come accaduto in questi anni”. Insieme con Donato Bruno, presidente della commissione Affari costituzionali alla Camera e altro candidato per via Arenula, Nitto Palma è la punta di diamante della falange previtiana nel Pdl. L’“amico Cesare”, raccontano, ieri sarebbe stato uno dei primi a fargli le congratulazioni per telefono. Specialista di leggi ad personam, Palma ha fatto di tutto per salvare Previti dalla galera. Del resto proposte e idee del nuovo Guardasigilli sono chiare da dieci anni, dal giorno in cui, cinquantenne, varcò per la prima volta il portone di Montecitorio.

NEL TOTOMINISTRI di allora, nel 2001, il Giornale di famiglia gli pronosticò un posto da sottosegretario alla Giustizia. Ma non ce la fece, nonostante un’intervista altisonante al quotidiano berlusconiano. Il suo pensiero: “La separazione delle carriere è un obiettivo di fondo che va attuato. La tesi che i pm devono avere la cultura della giurisdizione non mi convince”; “l’individuazione dei reati non può essere lasciata a chi non ha responsabilità politica”; “non ho mai ritenuto deflagranti le dichiarazioni dei pentiti, ma piuttosto l’uso che di tali dichiarazioni è stato fatto”. Un anno dopo, nel 2002, Palma propose il ritorno all’immunità totale per i parlamentari, ma B. fu costretto a fare marcia indietro per le proteste dell’alleato Casini. Previti si infuriò più di tutti. Tenace, Palma ci riprovò nel 2003. Previti fu condannato in primo grado per Imi-Sir e la sera “l’amico Nitto” era al suo fianco in una puntata di Porta a porta che scatenò numerose polemiche (la presidente Lucia Annunziata non voleva Previti in studio, ma il dg Cattaneo diede il via libera). Due settimane dopo, il tenace Palma lanciò un lodo Maccanico per legge ordinaria riservato a premier e ministri e loro coimputati. Fu ammirevole nella sua sincerità: “Parliamoci chiaro, si estende la sospensione del processo Sme al coimputato Previti”. Il 2004 è invece l’anno della ex Cirielli, denominata “salva-Previti”. Una sequenza impressionante per la “figura di alto profilo” approdata in via Arenula. Un altro pallino di Palma è stata poi la commissione d’inchiesta su Tangentopoli, “per capire come mai le indagini abbiano colpito in maniera seria alcuni partiti e solo marginalmente altri”. Nel marzo del 2010 è stato coinvolto in un caso di patenti false a Torino. La sua posizione è stata archiviata. Palma è un falco ma non disdegna l’inciucio. Nel 2005, lui e Previti osarono l’impossibile, facendo infuriare B.: accettare il nemico Violante alla Consulta in cambio del sì bipartisan a Donato Bruno. Disse Palma: “Se fossi ancora magistrato e guardassi dall’esterno rimarrei colpito e sbalordito. Dall’interno non mi scandalizzo: questa è la politica”. La stessa che ieri lo ha promosso ministro.

di Fabrizio d’Esposito, IFQ

Nessuna opposizione al nuovo Guardasigilli

Perché Anna Maria Bernini no e Nitto Palma sì? Perché Renato Brunetta no e Nitto Palma sì? Il presidente della Repubblica, come stabilisce l’articolo 92, nomina i ministri su proposta del presidente del Consiglio dei ministri. E Giorgio Napolitano ha rifiutato, esercitando una marcata opera di “moral suasion”, di affidare il ministero della Giustizia sia alla Bernini, “troppo giovane e inesperta”, che a Brunetta. Ma non al “Ghedini di Previti”, l’ex pm Nitto Palma.    L’opposizione sembra aver agito di conseguenza. Nessuna indignazione, nessuna resistenza alla nomina del nuovo Guardasigilli. Forse il Partito democratico è occupato dalle questioni interne, ma di certo non si sono viste barricate di fronte all’uomo che si è distinto in Parlamento solo per le leggi ad personam destinate a salvare dalle condanne Cesare Previti.    “Tutti i nomi che sono stati proposti erano impresentabili – dice il presidente forum Giustizia del Partito democratico, Andrea Orlando – la politica di via Arenula non sarebbe certo cambiata con l’uno o con l’altro, quindi tanto vale avere una persona che si sa chi è e perché è stata messa lì, piuttosto che qualcuno sul quale discutere per tre mesi la linea da intraprendere mentre al Senato passa la legge sul processo-lungo”. Provvedimento sul quale Orlando, insieme alla capogruppo Pd in Commissione Giustizia, Donatella Ferranti, chiede a Palma di intervenire: “Mi auguro – hanno dichiarato i due deputati – che il primo atto del ministro sia quello di fermare l’obbrobriosa legge in discussione in queste ore al Senato, il cosiddetto processo lungo ovvero l’ennesima legge ad personam a favore di Silvio Berlusconi”. Certo appare piuttosto difficile che l’ex sottosegretario all’Interno che si è guadagnato sul campo il soprannome di “ultimo difensore di Previti”.    Mentre la capogruppo Pd in commissione Antimafia, Laura Garavini, già dialoga col neoeletto: “Il nuovo ministro della Giustizia – afferma – faccia subito un gesto utile: chieda più tempo per l’attuazione della delega sul Codice Unico Antimafia. Non bisogna in nessun modo compromettere l’ottimo lavoro che ogni giorno fanno le forze di polizia e la magistratura”.    In casa Idv le cose non sono andate diversamente. L’unica reazione alla nomina di Palma è quella del presidente dei deputati, Massimo Donadi, tutt’altro che barricadera: “Con la sua nomina a ministro della Giustizia – ha dichiarato Dona-di – che negli anni passati lasciò traccia di sé in Parlamento solo per essersi reso promotore di alcune norme ad personam a tutela di Cesare Previti, possiamo dire che, per quanto riguarda la giustizia, il centro-destra continua a percorrere la solita strada. Con lui o con Alfano non cambia nulla a via Arenula. Una nomina in assoluta coerenza con chi lo ha preceduto”.    Eppure quando si trattò di affidare il ministero dell’Agricoltura a Saverio Romano, sotto indagine alla Procura di Palermo per presunti rapporti con la mafia, l’opposizione si mobilitò, il segretario del Pd Pier Luigi Bersani si definì “sconcertato” per l’accaduto e anche Napolitano, prima della firma, espresse le sue riserve in merito ma senza respingere la nomina al mittente.    Contro Romano è aperto anch un processo di sfiducia alla Camera con una mozione presentata da Pd e Idv che però non sarà esaminata prima di settembre per le resistenze opposte dalla maggioranza. Che su Palma ha trovato la strada spianata.

di Caterina Perniconi, IFQ

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: