“L’Italia non rispetta i diritti dei migranti”

La denuncia viene da chi di soccorsi umanitari se ne intende: Medici senza frontiere, l’organizzazione umanitaria da decenni in prima linea su fronti di guerra, catastrofi ed emergenze umanitarie in ogni parte del mondo. In una lettera aperta indirizzata alle autorità italiane, Msf chiede ufficialmente che vengano migliorate le condizioni per i migranti, i rifugiati, i richiedenti asilo che da dicembre approdano sulle coste italiane, in massima parte a Lampedusa, in fuga dagli scontri e dalle violenze che infiammano il Nordafrica. “Le condizioni in cui vengono accolti i rifugiati e i migranti sono inadeguate e non rispettano gli standard minimi di accoglienza stabiliti per le persone vulnerabili che si trovano ad affrontare nuove situazioni di incertezza e sofferenza” è scritto nel documento di Msf. Tra il 14 febbraio e il 21 aprile 2011 Msf è stata presente con sue équipe a Lampedusa, dove ha effettuato 765 visite per migranti e rifugiati fornendo loro 4.500 kit igienici e di beni di prima necessità. Ma, come è scritto nella lettera al governo italiano, “i migranti arrivati a Lampedusa hanno dei bisogni che vanno oltre l’assistenza medica e la distribuzione di generi di prima necessità. Ed è responsabilità dello Stato italiano assicurare delle condizioni di accoglienza adeguate, fornire informazioni nonché l’accesso a procedure legali e di protezione”. La direttiva del Consiglio europeo stabilisce norme minime relative all’accoglienza dei richiedenti asilo (2003/9/Ce) e afferma esplicitamente che “l’accoglienza di gruppi aventi particolari esigenze dovrebbe essere configurata specificamente per rispondere a tali esigenze”. I richiedenti asilo necessitano di un trattamento prioritario. “Molti sono stati vittime dirette delle violenze e della guerra in Nord Africa oppure ne sono stati testimoni diretti. Alcune persone ci hanno raccontato di essere state vittime di abusi sessuali e di torture, nel Paese di origine o negli altri Paesi nei quali erano fuggite per sopravvivere e cercare rifugio. Dal giorno in cui hanno lasciato il loro Paese all’arrivo in Italia, molte di queste persone hanno vissuto privazioni e sofferenze estreme”.

LO CONFERMANO le numerose testimonianze raccolte da Msf: “Ho cercato per due volte di venire in Italia. La prima nell’agosto 2009: la nostra barca era già al largo quando una nave libica ci ha riportati indietro. Per questa ragione sono stato quasi un mese in un carcere vicino l’aeroporto di Tripoli. Le condizioni erano durissime. Eravamo 65 persone in una stanza rettangolare di 5 metri per 8. Ci davano tre pasti al giorno, a base di tè, riso e pane. Non ci davano acqua e così eravamo costretti a bere nei due bagni, utilizzati da 65 persone”, ha raccontato un ventenne somalo intervistato nel centro di Pian Del Lago (Caltanissetta). “Ho trascorso 8 mesi nel centro di detenzione di Zliten (Libia). Ci hanno rinchiuso in una stanza senza finestre. È stato orribile. Eravamo 13 donne in una stanza. Lì dormivamo, andavamo al bagno, prendevamo l’acqua, facevamo il bucato e stendevamo i panni. Noi stavamo sdraiate per terra e le guardie ci picchiavano con dei bastoni di plastica”, è la testimonianza di un’eritrea di 22 anni, rinchiusa nel centro di Mineo (Catania). Ma anche una volta scampati a quell’orrore e giunti in Italia, i rifugiati non hanno avuto vita facile. Molte donne sole hanno raccontato a MSF che nei centri di accoglienza non c’è una vera e propria separazione dagli uomini e che temevano quindi di essere abusate, nonostante la massiccia presenza delle forze di polizia. “Non possiamo mai rilassarci, abbiamo paura degli uomini che entrano nella nostra stanza. Non ci cambiamo i vestiti; non osiamo spogliarci perché gli uomini sono qui fuori e ci guardano attraverso le finestre”, è il racconto di una trentacinquenne tunisina del suo passaggio dal centro di Lampedusa. Msf ha anche visto bambini e minori non accompagnati tenuti in centri chiusi a Lampedusa , per la mancanza di strutture adatte a ospitarli. La conclusione del documento è lapidaria: “Dal gennaio 2011 a oggi sono sbarcate nel sud dell’Italia 27.000 persone, e indubbiamente nei prossimi mesi se ne aggiungeranno altre, in fuga dal Nord Africa per sottrarsi alla violenza. È ora che l’Italia si assuma le proprie responsabilità”.

di Valeria Gandus, IFQ

3 commenti to ““L’Italia non rispetta i diritti dei migranti””

  1. sono di sinistra (meglio poco per tutti che tutto per pochi-io sono uno statalista per ideologia contrario al privato)-Ma venendo al punto in questione purtroppo e dico purtroppo i giornalisti(dalla vostra parte o di politici viene facile perchè i soldi ce li avete, e quindi diventiamo tutti tolleranti)Ma se ci fossero tanti immigrati e fossero tutti giornalisti e politici e occupassero o venissero a minacciare le vostre occupazioni cosa direbbero i giornalisti?starebbero ancora quì a dire…ben vengano gli immigrati?eh certo quando il posto e non solo il posto ma tutti i diritti di un italiano vengono calpestati per dar posto non solo agli immigrati ma a delinquenti facendoli uscire, anzi mi correggo neanche entrare e proponendogli un patteggiamento….lavoro e pagato in cambio della galera-mentre fuor c’è chi fà a botte e fà la fila…….allora…cambierebbero i giornalisti?se il parlamento proponesse che per ogni giornalista lo stipendio fosse di 1200 euro e che se non gli andasse bene prendessero gli immigrati, cosa risponderebbero i giornalisti?
    se mettessimo al governo degli immigrati, cosa direbbero i parlamentari di sinistra?venite, siamo noi italiani che abbiao paura dello straniero-Io non ho paura nè di neri nè di gialli nè rossi e via dicendo-Ho paura che quando vengono quì a migliaia purtroppo gli devi dare un sostentamento di 50 euro al giorno, mic li puoi lasciare così, altrimenti dlinquono-li devi ricoverare perchè sono gravemente malati e tutto ciò si riduce ad una guerra tra poveri-I benestanti ricchi e politci lo sanno e ne fanno buon uso-Ora faccio io una domanda:se e chi mi proponesse di salire su un barcone che contiene 100 andando in 1000 wò già che rischierei la vita…il più forte ti getterà a mare-se siamo in mezzo al mare dopo un mese e non c’è più niente se non un pane e fossimo in 10, faceno i calcoli e mettendo che solo 3 si potrebbero salvare a discapito degli altri 7, cosa pensate che deciderebbero?io presumo che deciderebbero come i sopravissuti delle ande.Si tira a sorte(come fanno i parlamentari) e gli altri verrebbero sacrificati, a meno che non decidessimo per l’estinzione della specie umana-Ma suppongo che finchè c’è vita c’è speranza-questa non è più emergenza…un panino e la roba da mangiare c’è-ma se tu mi metti l’immigrato contro e togli i miei diritti e scegli lui, allora scelgo me-se tu giornalista sei il primo perchè non vi fate avanti voi e dividete il vostro stipendio e tutto con tutti gli immigrati?date il buon esempio voi che parlate ma non operate-fatevene carico Voi e cominceremmo noi e io per primo a dire.Ha ragione-ma chi è disposto a dare anche una piccola parte o di rinunciare a tante cose per loro?forza nomi e cognomi-ma per favore

    • Non credo che quanto scritto abbia a che fare con l’articolo. I presupposti sono quelli simili alla Lega Nord, ma non hanno a che vedere con il rispetto della vita umana e delle condizioni civili. Magari un po’ più di riflessioni del perché vengono in Europa e non rimangono in Africa non starebbe male.

    • Mi pare che gli slogan di questi ultimi anni sui danni dei migranti stiano dando i loro frutti. Come dire, quando i sardi migravano in mezzo mondo, bisognava trattarli da delinquenti solo per il fatto di essere migranti e, possibilmente, cacciarli a forza perché toglievano i diritti agli altri. Una visione miope e senza alcuna attinenza con la realtà. Si vuole sfruttare in loco e fuori ma nei modi e nei tempi di chi è comunque ricco rispetto a chi non ha niente. Una volta i pomodori venivano raccolti dagli italiani ora vengono raccolti da migranti sottopagati, è colpa di chi viene sfruttato? Son ben strane idee quelle che ipotizzano i migranti delinquenti che rubano lavoro agli italiani, idee dal sapore xenofobo e razzista. Di certo non attinente né con la realtà dei fatti né con la verità di quanto accade. Dispiace soprattutto se viene da una terra che è stata sfruttata per anni e tuttora viene sfruttata. C’entrano qualcosa i migranti con la Vinyls o con le miniere o con Quirra o con i pastori penalizzati? Suvvia, evitiamo di fare della facile retorica a uso e consumo degli ignoranti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: