Cosa significa essere italiani?

Esiste l’Italia? Questa è una domanda che mette in imbarazzo. Perfino la Lega, da picconatrice del tricolore a difensore dell’identità nazionale contro gli immigrati. Tra mille fratture territoriali finora abbiamo fatto finta di niente. Ma arriva l’anniversario dell’unità…

Non è chiaro a cosa ci si riferisca quando si parla di “identità nazionale”. Entrambi i termini – identità e nazione – sono ambigui e polisemici. Usati, cioè, con significati diversi. Eppure, raramente sono echeggiati tanto spesso come in questa fase. Non solo in Italia. Ma in Italia più che altrove. Forse perché in Italia – più che altrove – evocano un fondo problematico, tanto più alla vigilia di un evento che impedisce ogni reticenza. I 150 anni dell’unità nazionale. Italiana. Per celebrarli diventa impossibile eludere la questione. Chiedersi cosa significhi essere italiani. Su cosa insista la nostra identità nazionale. E quindi se effettivamente esista.

Perché fino a ieri abbiamo vissuto nella migliore delle situazioni possibili, per un paese che soffre di una cronica debolezza di identità. Nazionale. Cioè: fingere che il problema non esista. “Fare” gli italiani senza dirlo. Neppure a noi stessi. D’altronde, siamo un paese segnato da differenze profonde. Tra nord e sud, tra una regione e l’altra, tra una provincia e l’altra, tra una città e l’altra, tra un quartiere e l’altro. Difficile trovare un paese attraversato da altrettante diversità culturali, di gusto, costume, stile di vita, linguaggio – oppure lingua. Per non parlare delle differenze di opinione e di fede. L’Italia: terra di conflitti profondi. Guerre civili: politiche e religiose. Così, a ricordarci di essere italiani, a rafforzare il valore dell’unità nazionale ha contribuito la Lega, nei primi anni Novanta. Agitando la bandiera della secessione, ha reso realistico il rischio della “divisione”. Ne ha fatto un progetto – o almeno – una parola d’ordine. E ha risvegliato un sentimento nazionale da sempre tiepido. Implicito. Per reazione alla paura di cosa potrebbe succedere “se cessiamo di essere una nazione”, come recita il titolo di un fortunato saggio di Gian Enrico Rusconi pubblicato in quegli anni (Il Mulino, 1992).

Così, gli italiani si sono scoperti tali – italiani – e hanno ravvivato il loro orgoglio nazionale come mai, nella precedente storia della Repubblica. E neppure in quella seguente. Il successo della Lega e la crisi della prima Repubblica, peraltro, hanno indotto a cercare risposte politiche e istituzionali al problema del particolarismo italiano. Spingendo, diversamente da prima, ad accettarlo senza viverlo come un dramma. Senza annullarlo nel “centralismo romano”. Cercando, al contrario, di istituzionalizzarlo. E, ancor prima, di riconoscerlo. L’Italia, ebbe a sostenere Carlo Azeglio Ciampi durante la sua Presidenza della Repubblica, è una nazione “unita dalle differenze”. Soprattutto, da quelle territoriali. Una nazione di città e di regioni, con una storia lunga e un’identità radicata.

La ricerca scientifica del tempo rivalutò questo tessuto economico costellato da sistemi produttivi locali. I distretti di piccola impresa, base dello sviluppo e del benessere degli ultimi trent’anni. Negli anni Novanta si afferma quel singolare modello di  federalismo all’italiana che avviene in modo disordinato e intermittente. Sollecitato dagli strappi leghisti e dalle reazioni degli altri partiti. Si assiste, da allora, a un trasferimento di poteri dal centro alla periferia, dallo Stato ai Comuni e alle Regioni, attraverso una pluralità di provvedimenti e di leggi.

Dall’elezione diretta dei sindaci e dei presidenti di Provincia e Regione, alle riforme che decentrano la pubblica amministrazione, al federalismo vero e proprio, professato da quasi tutti i soggetti politici. Per convinzione, conversione, opportunismo, rassegnazione. Così, a un certo punto, l’Italia scopre di essere diventata uno “Stato federalista”. Seppure dalla forma incerta e indefinita.

Anche la “questione meridionale” viene affrontata ricorrendo al paradigma dell’autonomia del territorio e della società locale. Si rinuncia al tradizionale modello assistenziale, guidato dallo Stato centrale, il cui asse è costituito dall’intervento straordinario. Si favorisce, invece, la cooperazione fra attori dello sviluppo territoriale: i patti territoriali fra governi locali, associazioni, imprese nei contesti locali. È così che i nostri particolarismi diventano risorse riconosciute, quando prima apparivano limiti da sfidare e ridimensionare. Alimentati e potenziati. Mentre il ruolo direttivo e centralista dello Stato si riduce. Senza, però, un disegno, una cornice in grado di dare regole e significato a questo sistema frammentato e frammentario.

Così, oggi, mentre finisce il primo decennio del nuovo secolo e millennio, chiedersi cosa significhi essere italiani – anzi: cosa significhi l’Italia e perché ne debba essere celebrata l’unità – rischia di apparire una questione un po’ retorica, ma senza risposta. Perché dagli anni novanta, dopo la fine dell’intervento straordinario, le distanze economiche e di reddito fra nord e sud si sono allargate. La criminalità organizzata ha ripreso il sopravvento in molte aree del Mezzogiorno. Mentre si sono riaperte fratture cognitive profonde. L’ostilità e la sfiducia della società del nord verso quella del sud, infatti, sono cresciute. Come quelle dei cittadini del sud verso il nord. D’altronde, l’esperienza della programmazione territoriale, fondata sul negoziato fra gli attori locali, si è insabbiata. E oggi si riparla di una Banca del Sud, gestita da Roma. I sindaci, i governatori del Sud, dopo una stagione di speranza sono stati travolti dal rimontare dei vecchi problemi. I sindaci, i governatori fanno i conti con il ritorno dello Stato. Con il centralismo economico, politico e istituzionale. Nel nord la Lega non è mai stata tanto forte. Nel Mezzogiorno si sente parlare di un nuovo partito, simmetrico alla Lega. Una Lega sud. Come quella guidata in Sicilia dal MpA. Che agisce in modo spregiudicato. Guidata dalla difesa – contrattuale – degli interessi della regione di fronte allo Stato.

Infine, le divisioni politiche sono divenute tanto profonde da sembrare abissi. Berlusconi ha eretto un muro più alto di quello di Berlino. Il muro di Arcore: non separa solo i partiti e i soggetti politici, ma gli elettori e la società. Pro o contro Berlusconi: è quasi una scelta di civiltà. Che induce i cittadini al reciproco disprezzo. Al reciproco dis-conoscimento.
Per cui, come emerge da recenti indagini, l’orgoglio nazionale non è mai stato così basso negli ultimi vent’anni. Lo manifesta il 51% degli italiani (Demos, novembre 2009). Il 20% in meno rispetto alla metà degli anni Novanta (Demos per liMes, 2004); il 14% meno di un anno fa (Demos, novembre 2008). Mentre il 25%, una persona su quattro, afferma di vergognarsi a volte di essere italiano.

Così, per trovare un fondamento alla comune identità italiana si ricorre a tratti antropologici, sedimentati nel buon senso. Al “carattere nazionale”. L’arte di arrangiarsi, l’attaccamento alla famiglia, la creatività. Virtù personali e comunitarie. Che non richiedono appartenenze di valore, memoria condivisa, adesione a principi civici. Definiscono, invece, una cornice flessibile, nella quale ciascuno può collocare la propria tessera. Il proprio riferimento locale, il proprio interesse personale e familiare, la propria fede privata, la propria bandiera politica, la propria passione calcistica. Senza gli immigrati, mancherebbero motivi validi per interrogarsi sulla nostra identità, sul significato di “essere italiani”. Invece, la presenza massiccia e crescente degli “stranieri” funziona come uno specchio, che ci permette di riflettere. Sulla differenza fra “noi” e “loro”.

Da ciò il paradosso: che a promuovere l’identità nazionale, oggi, è proprio la Lega. Soprattutto la Lega. La stessa che negli anni novanta mobilitava contro l’Italia, il tricolore, l’unità del paese. Oggi, invece, sostiene l’importanza dell’identità nazionale e dei principi cristiani, elementi della tradizione e del senso comune. La nazione, così, appare una fortezza assediata dagli “altri”. Dal mondo che incombe su di noi. Che ci minaccia da fuori e da dentro.
Per questo la questione dell’identità nazionale è tanto evocata quanto elusa. Chiedere se esista l’Italia mette in imbarazzo perfino la Lega. Meglio dare per scontato. E avviarci a celebrare un avvenimento di cui conviene – ed è più facile – rammentare il valore storico piuttosto che il significato del presente..

di Ilvo Diamanti – Limes, Rivista geopolitica

Advertisements
Tag: , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: