Il prefetto, il bunga bunga e “la mafia che non c’è”

La ‘ndrangheta che sta mangiando il Nord e Lele Mora, il manager dei vip accusato di sfruttamento della prostituzione per aver portato decine di ragazze ad Arcore. Chissà cosa deve aver pensato ieri della maxioperazione anti-‘ndrine il prefetto di Milano Gian Valerio Lombardi. Lo stesso Lombardi che – era il gennaio 2010 – se ne uscì con un proverbiale “a Milano la mafia non esiste” e che ieri si è sottratto al prevedibile coro di commenti da parte dei politici sui 35 arresti dedicandosi invece ad annunciare la imminente chiusura di un campo rom. Lo stesso Lombardi che nei confronti di una delle ragazze del Ruby-gate – Marysthell Polanco – si dimostra “a disposizione”. La giovane – assidua dei festini di Arcore, fidanzata con un narcotrafficante condanna to a otto anni e nella cui abitazione sono stati trovati oltre due chili di cocaina – ha problemi con il passaporto. E per risolverli è addirittura Palazzo Chigi – dicono le carte dell’inchiesta su Rubacuori – ad intervenire: “Buonasera – dice il telefono del governo – le dovrei dare il numero del prefetto Lombardi (…) come Lombardia ma senza la a”. La Polanco non perde tempo e compone il numero: “Chiamo da parte del presidente Berlusconi”, e immediatamente la segretaria le passa Lombardi. Che si muove per esaudire le richieste della ragazza. Che addirittura per gli appuntamenti ha un ingresso auto garantito in prefettura. Lo stesso Lombardi che tra l’altro compare anche nell’inchiesta P3, chiamato in causa dall’oggi ex presidente della Corte d’Appello di Milano Alfonso Marra sull’affaire lista Formigoni: “Il prefetto mi telefonò il giorno del mio insediamento”.      Ma al silenzio di Lombardi risponde quello dei leghisti, coinvolti in una serie di casi che riguardano proprio la ‘ndrangheta in Lombardia. Forse parlava anche a loro il gip Giuseppe Gennari quando denunciava la “sostanziale indifferenza (si spera dettata anche da ignoranza) dei vertici amministrativi e politici, che anche dopo le recenti indagini non risulta abbiano assunto alcuna iniziativa”.

di Gian Valerio Lombardi – IFQ

Il prefetto di Milano Gian Valerio Lombardi con Mister B.

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: