LA COSTITUZIONE È VIVA ECCO L’ITALIA CHE LA DIFENDE

Il conto alla rovescia è finito e oggi “scatta” il C-day. Manifestazioni in cento città in tutta Italia, da Trieste a Palermo, da Voghera a Nuoro, con presidi anche all’estero, da Amsterdam a Madrid, da Londra a Praga: si presenta così la mobilitazione “A difesa della Costituzione, se non ora quando?” che vedrà a Roma l’evento clou, con un corteo da piazza della Repubblica a piazza del Popolo (aperto da un gigantesco tricolore di 200 metri quadrati ed uno striscione che dirà che la “Costituzione è viva”), dove sul palco saliranno artisti, costituzionalisti, attori e musicisti. Il tutto a difesa della Carta: “Vogliamo scattare una foto che non sia la foto di famiglia della sinistra italiana, ma di uno schieramento inedito, trasversale”, spiegano i promotori, l’associazione Articolo21. Tricolore al   collo e Costituzione in mano, la giornata di oggi si inserisce in un periodo di intensa mobilitazione: dalle manifestazioni delle donne del 13 febbraio, alla festa dell’8 marzo, fino ad arrivare a quella promossa da Di Pietro, per i referendum, il 19. Tra la riforma della giustizia, gli (ennesimi   ) tagli alla cultura, l’attacco alla scuola pubblica, gli assalti all’informazione, soltanto la cronaca degli ultimi giorni rinforza la scelta di scendere in piazza. E a manifestare ci sarà anche il popolo   della scuola. Tra gli organizzatori anche Libertà e Giustizia, Anpi, Anpas, Cgil, Popolo Viola e Rete Viola. Mentre si moltiplicano continuamente le adesioni, da quelle di associazioni e gruppi   organizzati, a quelle individuali. Tra le ultime, quella di Oscar Luigi Scalfaro. Che ha denunciato “i tentativi di aggressione alla Carta che passano soprattutto attraverso i propositi di riduzione   dell’autonomia e dell’indipendenza della Magistratura”. A Roma, sul palco ci saranno personaggi dello spettacolo, da Ottavia Piccolo a Monica Guerritore, da Ascanio Celestini all’orchestra che intonerà, assieme a un coro di centinaia di persone, il Dies Irae di Mozart e il Va pensiero di Verdi dal Nabucco. Poi Roberto Vecchioni; un genitore della scuola di Adro, rappresentanze   del popolo libico; il segretario della Federazione Nazionale della Stampa, Roberto Natale; il costituzionalista Alessandro Pace, i cantautori Francesco Baccini, Daniele Silvestri.      Se il corteo centrale sarà a Roma, molto importante, tra gli altri, l’appuntamento di Milano: a Largo Cairoli, con inizio alle 15 sul palco ci saranno tra gli altri, Dario Fo, Vincenzo Consolo, Moni Ovadia, Piero Ricca.    Dal comitato promotore mettono l’accento sul fatto che si tratta di una manifestazione che ha come protagonista la società civile, ma a partecipare saranno tutte le opposizioni: dal Pd, che ieri ha affidato la sua adesione al responsabile organizzazione, Nico Stumpo a Nichi Vendola, da Angela Napoli, Fabio Granata e Flavia Perina di Fli a Bruno Tabacci e Pino Pisicchio di Api. E poi la Federazione della Sinistra, i Verdi e qualche esponente dell’Udc. Da notare l’iniziativa di Filippo Rossi. Il suo web magazine, che faceva capo alla Fondazione FareFuturo, è stato chiuso anche per l’adesione annunciata del direttore alla manifestazione di oggi. E lui ricomincia da qui: la sua nuova rivista online, il “Futurista” vedrà la luce all’inizio   della prossima settimana. E Rossi sarà a Parigi, al “Petit Thèatre du Bonheur” di Montmartre, per presentarlo, partecipando “in trasferta” all’iniziativa di Articolo 21.

Viva la Carta Il simbolo della manifestazione e gli appuntamenti principali

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: