Cl, affari con la ‘ndrangheta

L’indagine sui clan calabresi nel nord Italia svela gli impressionanti legami tra la macchina di potere di Comunione e Liberazione e la malavita organizzata. Dalla sanità fino ai cantieri edili.

C’è il revisore dei conti della fiera di Milano che “divide i soldi in nero” con il capo della ‘ndrangheta. Il direttore sanitario arrestato per mafia che svende appalti in cambio di “un sacco di voti” per un parlamentare “legato a doppio filo a Formigoni”. C’è il nuovo manager degli ospedali lombardi che è tanto amico dei boss calabresi da farsi definire “il nostro collaboratore”. C’è il vicepresidente del consiglio regionale, già indagato per bancarotta e corruzione, che si vede inserire dai giudici nel “capitale sociale della ‘ndrangheta”. E poi ci sono gli imprenditori mafiosi, che continuano ad avvelenare terre e acque della Lombardia. Mentre la politica reagisce vietando ai tecnici regionali di aiutare le inchieste della magistratura.

Gli atti d’accusa della direzione antimafia di Milano svelano il lato oscuro di Comunione e liberazione. Alla base di Cl c’è un movimento forte di migliaia di persone oneste, laboriose, profondamente cattoliche. Al vertice però, attorno a Roberto Formigoni, governatore-padrone della Lombardia dal 1995, si è creata una macchina di potere con agganci spaventosi. A documentarli è la requisitoria dei pm (3.286 pagine, in gran parte inedite) che nel luglio 2010 ha portato in carcere più di 300 imputati di mafia. Tra tanti reati, i giudici delle indagini hanno ritenuto provati molti fatti al limite della legalità: relazioni di “contiguità e vicinanza”, che non raggiungono gli estremi della complicità penale, ma consentono ai capimafia di “beneficiare di rapporti continuativi con altri poteri, economici e politici”.

Il campionario delle contiguità si apre con la Fondazione che controlla il gruppo Fiera di Milano, storicamente il primo feudo ciellino. Sulla poltrona di presidente del collegio sindacale, che è l’unico organo di controllo interno, siede un commercialista di Palmi, Pietro Pilello. Già intercettato nel 2007 mentre aiutava Berlusconi a reclutare parlamentari per far cadere Prodi, il revisore calabrese è tornato alla ribalta quando si è scoperto che nel 2009 organizzava “cene elettorali con i boss” a favore di Guido Podestà, il presidente della Provincia di Milano. Ora “l’Espresso” può svelare come è nato il suo rapporto con un capomafia del calibro di Pino Neri, un avvocato massone nominato “reggente” delle cosche lombarde direttamente dalla cupola calabrese, per chiudere una guerra di mafia esplosa nel 2008. Tra Neri e Pilello, secondo i magistrati, c’era un patto occulto: “Una compartecipazione ufficiosa alle cause civili, di cui si dividevano i guadagni in nero”. Il problema è che “compare Pino” era uscito dal carcere nel 2007, dopo una condanna definitiva a 13 anni per un colossale traffico di droga, per cui non poteva più comparire come avvocato. Di qui l’accordo tra i due fiscalisti che hanno fatto fortuna al Nord: le parcelle vengono “intestate allo studio di Pilello, presenziato da suo figlio”, ma “il boss Neri incassa il 50 per cento”. Il capomafia intercettato si lamenta perfino che Pilello gli avrebbe “fottuto soldi in nero” e “rubato clienti”, citando “una pratica da un milione di euro” per un centro commerciale. Ora Neri è in cella, mentre Pilello continua a collezionare poltrone, mettendo d’accordo formigoniani e berlusconiani: è revisore dei conti di 28 società, tra cui Finlombarda, Mm, Asm Pavia e Raiway.

Queste e altre rivelazioni dei boss sono state registrate dalle microspie nascoste dai carabinieri sull’auto di Carlo Antonio Chiriaco, un super manager della sanità lombarda arrestato come “mafioso da più di vent’anni”. Rievocando estorsioni, riciclaggi nell’edilizia e tentati omicidi, lo stesso Chiriaco si è autodefinito “fondatore della ‘ndrangheta a Pavia”. Nel 2008, dopo vent’anni di promozioni, la giunta Formigoni lo ha nominato direttore sanitario dell’Asl di Pavia, una delle più importanti d’Italia, con 780 milioni di fatturato. Qui Chiriaco, concludono i giudici, ha “costantemente operato nell’interesse della ‘ndrangheta”. “Questo è il centro di potere più grosso della provincia”, spiegava lui ai boss, “perché da noi dipendono tutti gli ospedali, i medici, i cantieri, la veterinaria… Siamo noi che diamo i soldi e noi che controlliamo… Ho una squadra che funziona che è una meraviglia”. E Neri confermava: “Ha tutta la provincia sotto di lui, ci fa centomila favori… Lui è molto vicino a me, da anni siamo tutt’uno”.

di Paolo Biondani – L’Espresso


Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: