Codice della strada addio: in Padania le strisce sono verdi

Iniziativa del sindaco di leghista di Dosolo che cambia colore all’attraversamento pedonale. Bocciatura dal ministero.

Il Codice della strada vale anche in Padania. Le strisce pedonali verdi volute dal sindaco di Dosolo, Vincenzo Madeo, dovranno essere cancellate e tornare alla precedente colorazione. Parola del ministero delle Infrastrutture e dei   Trasporti. Il consigliere comunale d’opposizione Luigi Bastoni ha ricevuto nei giorni scorsi la risposta al suo esposto, firmata dal dirigente tecnico Francesco Mazziotta. Il ministero ordina “il ripristino dello stato dei luoghi e la revoca dei provvedimenti connessi richiamando le responsabilità per eventuali inconvenienti o danneggiamenti a veicoli o pedoni che abbiano a verificarsi per tali iniziative”. Tra “rossi” e “verdi” è guerra. Il primo cittadino non ne vuole sapere   di cancellare le strisce pedonali padane: “Ad oggi – spiega il sindaco, rappresentante della lista civica ‘Impegno Comune’ sostenuta dalla Lega Nord – non ho ricevuto alcuna missiva da Roma. Fin quando quella lettera che il capogruppo d’opposizione dice d’aver avuto non arriverà sulla mia scrivania le strisce restano verdi. Sa, siamo in Padania. Chiariamoci bene:   le strisce sono bianche, il fondo è verde. Diciamo che si sono scolorite visto che prima erano rosse”. Spiegazioni inaudite per Luigi Bastoni che conferma di aver ricevuto la comunicazione dal ministero e di aver visto che era indirizzata anche al sindaco. Carta canta per il capogruppo d’opposizione: “Il Regolamento – dice il ministero – di Esecuzione del codice della strada elenca i colori che si possono impiegare per la segnaletica orizzontale e ne specifica l’impiego   . Le colorazioni di cui trattasi non sono previste e neppure a livello internazionale si ritrovano indicazioni diverse. Anche la più recente norma europea 1436 non fa cenno a colori diversi dal bianco e dal giallo. Al di là di queste considerazioni, già sufficienti a chiarire i motivi del diniego, ci sono motivazioni di natura tecnica: non c’è documentazione che dimostri l’efficienza di queste diverse colorazioni; gli attraversamenti pedonali sono indicati anche con i prescritti segnali verticali per cui non si ravvisa la necessità di ulteriori accorgimenti. Se proprio si vuole ottenere una migliore zebratura meglio il ricorso a materiali di più elevate prestazioni che richiedono anche una minore manutenzione piuttosto che modificare il colore del fondo che certamente comporta oneri manutentivi superiori oltre ai rischi già paventati. Non è inutile ricordare che gli utenti della strada devono riconoscere e rispettare la segnaletica formalmente prevista dal Codice della strada, che deve essere uniforme su tutto il territorio nazionale”. Indicazione che il Ministero dell’Interno aveva già adottato anche per   San Martino di Lupari dove un altro sindaco leghista ha fatto colorare le strisce di verde. Parole chiare ma per ora vane. A Dosolo i bambini che vanno a scuola attraversano la strada ancora su strisce verdi, così davanti alla Chiesa chi va alla Santa Messa e all’ingresso del paese in via Roma. In paese la gente non si è scandalizzata più di tanto. Semmai si diverte a guardare e leggere di questa querelle attendendo il verdetto finale. Il sindaco Madeo annuncia solo che eseguirà “obtorto collo” le direttive ministeriali quando vedrà la risposta del ministero. “Non so più cosa pensare. Potrebbe essere che questa missiva non sia stata fatta protocollare . Come è arrivata a casa mia dev’essere giunta – spiega Luigi Bastoni – anche al municipio. Attendo che il ministero intervenga qualora non vengano ripristinate. E sia chiaro che prima il fondo era rosso solo perché avevamo voluto fare le strisce come in Francia, per garantire maggiore evidenza. Questa giunta invece ha voluto marcare il territorio politicamente”. Risposta del primo cittadino: “Suvvia, fin dall’epoca di Virgilio questa zona era tutta verde. È un colore bucolico”.

di Alex Corlazzoli- IFQ

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: