Barbareschi “il trasformista” si riavvicina al Pdl

Dopo aver fondato “Futuro e Libertà”, il finiano ritorna sui suoi passi. La Rai sta per approvare le fiction Tv per il 2011.

Silvio Berlusconi ha sull’agenda il nome di Luca Barbareschi per un rimpasto di governo o per il gruppo dei responsabili. Il deputato di Futuro e libertà, falco e non colomba, potrebbe trasmigrare verso il Pdl. E il suo ‘no’ per la sfiducia a Sandro Bondi e un presunto appuntamento ad Arcore con il presidente del Consiglio – segnalato dal Giornale – sono due indizi che s’avvicinano a una prova. Il regista de il Trasformista un bel giorno scelse la politica: “Per provare a cambiare il Paese perché ero stufo di stare fuori dal Palazzo”. Il primo giorno nel Palazzo, a Montecitorio, l’onorevole Barbareschi rivelò le sue doti artistiche a Roberto Maroni: “Tu suoni il sax? Bene, facciamo una band? ”.

L’IMPRENDITORE (e attore, presentatore, musicista…) Barbareschi aveva ceduto le quote e il controllo di Casanova Multimedia, casa di produzione cinematografica   , per donarsi al Paese con una certa padronanza di tempi e di modi: “Se non mi fanno ministro della Cultura è una follia”, disse nelle concitate ore del toto-nomine. Non fu così. E Barbareschi riprese battaglie (politiche) per salvare i conti di Casanova: “La paga da deputato? Non basta, mi tocca lavorare. Ho anche un’attività da mandare avanti e sono bravissimo”. La Casanova vende serie televisive e spettacoli teatrali: “Io sono stato obbligato per legge a cedere la mia società a un blind trust è un pro forma, comunque io l’ho fatto”. Talmente “pro forma” che l’ufficio stampa di Barbareschi riceve presso la sede di Casanova, dislocata a viale Mazzini con vista sul palazzo Rai, lì dove Casanova strappa da anni, lauti e ripetuti contratti: “Oggi il dottore è fuori, provi domani mattina”. Quando Barbareschi oscilla, urla violenti comunicati, critica la politica e rimpiange il cinema e il teatro – dicono i suoi nemici in Rai, e sono tanti – significa che a viale Mazzini   c’è una sua fiction in ballo. L’ultima volta con la serie sul maratoneta Dorando Pietri l’ha scampata sul traguardo, all’ennesimo rinvio in cda Rai con i consiglieri di maggioranza un po’ disorientati perché Barbareschi, fedele finiano, mollava Berlusconi per la fuga. Ora i finiani sono scomparsi dal cda: Guglielmo Rositani, già militante del Msi, di recente ha organizzato la conta dei berlusconiani ex di An. Giovedì prossimo a viale Mazzini dovranno votare il piano fiction 2011 e la Casanova ci prova con una serie di otto puntate per circa 10 milioni di euro e una mini per due puntate da 4 milioni di euro. E i voti dei consiglieri di maggioranza sono determinanti.

BARBARESCHI conosce la Rai. Non era Berlusconi l’unico interlocutore di Agostino Saccà, all’epoca (2007) direttore di Rai Fiction, a preoccuparsi di affari e affetti. Il suo affare e il suo affetto era la Casanova. Nelle intercettazioni poi stralciate dall’inchiesta   di Napoli (perché non rilevanti, ma che spiegano il sistema), annotano gli inquirenti, Barbareschi chiude la conversazione con Saccà dicendo che si è “rotto di come tutto viene gestito dalla politica” e si riferisce ai palinsesti. Oppure rilancia la trattativa per un film: “Barbareschi chiede a Saccà quanto gli può venire incontro perché se arriva a 3,9 milioni di euro, la fa”. Nel suo (attuale) partito giurano su Barbareschi: “No, no, non è   possibile”, dice Angela Napoli. Ma da una settimana, non di più, lui si allontana a piccoli passi. Non ha votato la sfiducia a Sandro Bondi, anzi ha difeso il ministro della Cultura a spese di Fli: “Se mi ascoltano sulla cultura, visto che vengo da quel mondo, forse qualche consiglio utile riesco a darlo, e si   possono fare delle cose di un certo tipo.”. Ma da qui a mollare Gianfranco Fini? A dodici giorni dal dimissioni-dimissioni: “Può darsi sia solo un ‘vecchio porco’ – disse citando Maurizio Belpietro – ma ha un ruolo istituzionale, si faccia da parte”. Quando la trasmigrazione del falco sarà completa, allora sì che Barbareschi avrà l’oscar per la regia de il Trasformista.

di Carlo Tecce – IFQ

Falco finiano, Luca Barbareschi è pronto a ritornare dal premier 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: