Archive for ottobre, 2006

20 ottobre 2006

PPP

Non è amore. Ma in misura è mia                                    Lo scandalo del contraddirmi, dell’essere
colpa il non fare dei miei affetti                                                               con te e contro te; con te nel cuore,
Amore? Molta colpa, sia                                                                          in luce, contro te nelle buie viscere;
pure, se potrei d’una pazza purezza,                                                        del mio paterno stato traditore
d’una cieca pietà vivere giorno                                                                – nel pensiero, in un’ombra di azione –
per giorno…Dare scandalo di mitezza.                                                     mi so ad esso attaccato nel calore
Ma la violenza in cui mi frastorno,                                                            degli istinti, dell’etetica passione;
dei sensi, dell’intelletto, da anni,                                                              attratto da una vita proletaria
era la sola strada. Intorno                                                                       a te anteriore, è per me religione
a me alle origini c’era, degli inganni                                                          la sua allegria, non la millenaria
istituiti, delle dovute illusioni,                                                                    sua lotta: la sua natura, non la sua
sola la Lingua: che i primi affanni                                                              coscienza; è la forza originaria
di un bambbino, le preumane passioni,                                                      dell’uomo, che nell’atto s’è perduta,
già impure, non esprimeva. E poi                                                              una luce poetica: ed altro più
quando adolescente nella nazione                                                             io non so dirne, che non sia
conobbi altro che non fosse la gioia del vivere infantile patria                      giusto ma non sincero, astratto
provinciale, ma per me assoluta, eroica –                                                  amore, non accorante simpatia…
fu l’anarchia. Nella nuova e già grama                                                       Come i poveri povero, mi attacco
borghesia d’una provincia senza purezza,                                                  come loro a umilianti speranze,
il primo apparire dell’Europa                                                                     come loro per vivere mi batto 
fu per me apprendistato all’uso                                                                 ogni giorno. Ma nella desolante
puro dell’espressione, che la scarsezza                                                      mia condizione di diseredato,
della fede d’una classe morente                                                                 io possiedo: ed è il più esaltante
risarcisse con la follia ed i tòpoi                                                                 dei possessi borghesi, lo stato
dell’eleganza; fosse l’indecente                                                                 più assoluto. Ma come io possiedo la storia,
chiarezza d’una lingua che evidenzia                                                          essa mi possiede; ne sono illuminato:
la volonta a non essere, incosciente,                                                          ma a che serve la luce?
e la cosciente volontà a sussistere                                                                                                                          
nel privilegio e nella libertà                                                                                                                           
che per Grazia appartengono allo stile.                                                                                         
 
 
da "Una Vita Violenta"  volume primo pag.1717
Fra i passi tagliati, due interessano l’episodio del cinematografo, nel capitolo "L’eterna fame". Il primo, presente solo nelle bozze, è una descrizione del vicino di posto tormentato da Tommaso.
 
Quello che gli era seduto accanto era infatti proprio uno di quelli.
Rassomigliava a Tamara Lees, e ce lo sapeva: stava come lei, col collo un po’ ripiegato, e la testa storta da una parte, in modo che la guancia e il mento, con sopra la bocca cascante, gli sporgevano in avanti. Era pallido, con gli occhi a mandorla che guardavano annebbiati verso lo schermo. Teneva il gomito destro dalla parte di Tommaso, pun tato sul bracciale mezzo scollato della sedia, e lasciava cadere la mano floscia, col polso nudo, con aria annoiata: ogni tanto ci appoggiava contro leggermente la scucchia, e la bocca gli si faceva ancora più a mezza luna, e gli occhi più rappresi. Oppure si allisciava coi polpastrelli i capelli, a piccolo colpetti morbidi, dietro le orecchie.
Tommaso spostò sullo schienale davanti il ginocchio sinistro, verso l’esterno. Poi lo lasciò scivolare giù dallo schienale, e lo sposto ancora finchè quasi toccò il ginocchio del vicino. Quello se ne accorse subito, e lanciò un’occhiata verso Tommaso, Tommaso allora dopo qualche istante gli toccò proprio il ginocchio con il suo, Quello si tornò a voltare, guardandolo dall’altro al basso, da sopra la spalla, tirata su fin quasi all’altezza della bocca: lo squadrò abbastanza a lungo con le palpebre basse, poi scostò il suo ginocchio e si voltò a imbastire due parole con quello che gli stava accanto dall’altra parte. Tommaso rimise subito il ginocchio contro lo schienale, e diede indifferente le ultime tirate al mozzicone. In quella, come una frustrata, si accesero le luci.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: